Advertisement

Oro e argento agli Europei a Rieka per l’Italia di kata

È ancora un’Italia d’oro quella del Judo-kata, che in questo caso ritorna dai campionati europei disputati nello Zamat Center a Rieka con Ubaldo Volpi e Nicola Ripandelli bravissimi ad imporsi nel Kodokan goshin jutsu. I migliori, campioni d’Europa. Ma quest’Italia guidata da Monica Piredda e Cesare Amorosi è anche d’argento, grazie allo splendido secondo posto meritato da Laura Bugo e Barbara Bruni Cerchier nel Ju no kata. E poi ci sono tutti i piazzamenti di una squadra fresca, serena e motivata, che ha piacere di coltivare la propria passione insieme ed insieme cercare di migliorarsi sempre.

Semplicemente fantastica questa medaglia d’oro -è stato il commento di Ubaldo Volpi e Nicola Ripandelli- non fa altro che coronare i nostri sogni. Adesso il nostro prossimo obiettivo è quello di salire sul gradino più alto del podio mondiale. Ed è per questo che durante questi mesi faremo una preparazione adeguata. Ringraziamo tutto lo staff per il supporto eccellente”.

Advertisement

“Siamo davvero molto soddisfatte del risultato ottenuto in finale. -hanno commentato invece Laura Bugo e Barbara Bruni Cerchier- Non ci accontentiamo e ci impegneremo per continuare a migliorare. Ci teniamo a ringraziare i nostri compagni di avventura, i tecnici e gli arbitri per il bel clima di squadra che si è creato e per il supporto espresso”.

Questi i risultati completi della Nazionale Italiana a Rieka 2022.

NAGE NO KATA U34

Gino Gianmarco Stefanel-Alessandro Cugini 5° posto

Marco Peschiera- Marcello Fanzini 7° posto

KATAME NO KATA U44

Michael Chiara- Marco Corvetti 4° posto

KATAME NO KATA O44

Massimo Cester- Andrea Fregnan 4° posto

KIME NO KATA U44

Enrico Tommasi- Alberto Gainelli 4° posto

Lisa Vertuani-Maria Cristina Zuccatti De Zordo 5° posto

KIME NO KATA O44

Walter Sella- Sergio Rizzi 7° posto

JU NO KATA U44

Laura Bugo- Barbara Bruni Cerchier ARGENTO

Carlotta Franzina- Camilla Franzina 4° Posto

KODOKAN GOSHIN JUTSU O47

Ubaldo Volpi-Nicola Ripandelli ORO

Giancarlo Silvagni- Gianmarco Gabrielli 9° posto

NAGE NO KATA U23 (5G)

Sofia Gliemmo- Gabriele Ortini 6° posto

Giulia Poccobelli-Francesca Benatti 8° posto

1 argento e 4 bronzi chiudono la Premier League di Rabat

Roma, 15 maggio 2022 – Che giornata a Rabat per i karateka italiani. 5 medaglie conquistate, di cui 1 argento e 4 bronzi, su 8 finali disputate. La medaglia di argento l’ha conquistata la giovanissima Aurora Graziosi, nei 61 kg. Dopo lo splendido percorso di ieri, oggi si è scontrata con l’egiziana Dahab Ali in finale, alla quale si è però dovuta arrende sul risultato di 2-0.

Delle altre 7 finali, tutte per il bronzo, gli italiani ne hanno invece portate a casa 4: Asia Agus nei 55 kg ha sconfitto 6-1 l’esperta austriaca Bettina Plank sul risultato di 6-0, Gianluca De Vivo nei 67 kg ha avuto la meglio sul marocchino Said Oubaya 3-2, mentre Daniele De Vivo e Amhed El Sharaby, nei 75 kg, hanno battuto rispettivamente l’egiziano Mansour 3-0 e il giordano Masarweh.

Si sono piazzati al quinto posto, invece, Lorena Busà nei 55 kg, battuta dalla svizzera Maya Schaerer (2-2), Giulia Angelucci nei 61 kg, che ha ceduto il passo all’olandese Lynn Snel (4-2) e David De Falco nei 60 kg, eliminato dal kuwaitiano Shaaban (6-3).

Si chiude qui la terza Premier League del 2022 e l’appuntamento con il karate internazionale e con la nazionale azzurra è rimandato a mercoledì 25 maggio con i Campionati Europei Senior, in scena Gazantiep in Turchia.

Clicca qui per i risultati dettagliati.

Campionati italiani junior femminili… è replica Akiyama

Ancora Akiyama! Ed il nuovo ciclo del club di Settimo Torinese si è aggiudicato il primato nella classifica società anche nel campionato italiano juniores femminile appena concluso nel PalaPellicone a Ostia. Sei medaglie ieri con i maschi (3-1-2) ed altre sei oggi con le ragazze che hanno centrato quattro primi posti, un secondo ed un terzo, precedendo sul podio il Banzai Cortina Roma ed il Judo Virtus.

“Un pensiero per questa vittoria? Come ho detto anche ieri, è un discorso di cicli. -ha detto coach Pierangelo Toniolo– Abbiamo dei ragazzi che ci scelgono per lavorare, all’inizio non è mai semplice, però se si semina bene poi si raccoglie. Siamo contenti perché molte delle nostre vittorie sono maturate per ippon e questo è determinante perché bisogna cercare sempre la via del judo”.

Risultati femminili

44: 1. Elena Guarducci (Crs Akiyama), 2. Sara Meloni (Jigoro Kano Isili), 3. Rebecca Valeriani (Cus Parma) e Ilenia Salfi (Judo Remorini)

48: 1.  Giulia Giorgi (Judo Virtus), 2. Ilaria Finestrone (Team Iacovazzi), 3. Giulia Ghiglione (Crs Akiyama) e Sofia Mazzola (Judo Virtus)

52: 1. Michela Terranova (Ischia Judo), 2. Asia Sassi (Judo Shiai), 3. Emma Stoppari (Ginnastica Triestina) e Alessia Tortorici (Judo Virtus)

57: 1. Veronica Toniolo (Esercito), 2. Savita Russo (Koizumi Scicli), 3. Micaela Sciacovelli (La Palestra) e Chiara Zuccaro (Banzai Cortina)

63: 1. Antonietta Palumbo (Star Judo Club), 2. Sara Corbo (Carabinieri), 3. Yana Zinchenko (Judo Bergamo) e Agnese Zucco (Nuova Florida)

70: 1. Ludovica Franzosi (Crs Akiyama), 2. Alessia Beolchi (Nuova Florida), 3. Matilde Ceci (Banzai Cortina) e Serena Ondei (Judo Bergamo)

78: 1. Irene Caleo (Crs Akiyama), 2. Carolina Mengucci (Banzai Cortina), 3. Ilenia D’Amato (Skorpion Team) e Matilde Notti (Accademia Alessandria)

+78: 1. Erica Simonetti (Crs Akiyama), 2. Tiziana Marini (Crs Akiyama), 3. Morgana De Paoli (Comunale Rimini) e Valentina Miele (Banzai Cortina)

Società: 1. Crs Akiyama, 2. Banzai Cortina Roma, 3. Judo Virtus

Bronzo per Danise e Godino al torneo Champions di Antalya

Roma15 maggio 2022 – Concluso il torneo Champions 2022, dedicato ai lottatori di classe Junior, in scena da venerdì 13 a oggi ad Antalya, in Turchia.

La nazionale azzurra si è portata a casa due medaglie di bronzo con Immacolata Danise nei 55 kg e con Laura Godino nei 68 kg. Ottimo il risultato delle due giovani lottatrici italiane, al quale si aggiunge anche il buon quinto posto di Raoul Caso, nei 70 kg di Stile Libero.

Non sono invece riusciti a fare risultato Simone Piroddu, Tommaso Bosi, Andrea Setti, Steve Momilia e Aurora Russo.

Oro di Conyedo, argento per Studd e Omarov a Tirana

Roma, 14 maggio 2022 – Continua la trasferta della lotta olimpica italiana, impegnata al Torneo Muhamet Malo di Tirana con la Greco Romana e lo Stile Libero di classe Senior.

In questa giornata dedicata allo Stile Libero gli azzurri hanno conquistato una medaglia d’oro con Abraham Conyedo nei 125 kg grazie a 4 incontri vinti su 4, edue medaglie d’argento con Obispado Studd nei 57 kg e con Shamil Omarov nei 65 kg.

Nella classifica delle nazioni partecipanti, tra cui Albania, Romania e Bulgaria, l’Italia si è classificata al secondo posto.

Per i risultati della Greco Romana, in scena ieri, clicca qui.

Un altro ciclo dell’Akiyama è primo nei campionati juniores maschili

Akiyama Settimo davanti a tutti. Al termine di una giornata movimentata e turbolenta, nella quale si è visto soprattutto tanto bel judo, il risultato è stato inequivolcabile: la società maschile numero uno del campionato italiano juniores disputato oggi nel PalaPellicone a Ostia è l’Akiyama Settimo Torinese. “Questo è un altro ciclo di ragazzi” ha detto il coach dell’Akiyama Pierangelo Toniolo, che con questi ragazzi ha raccolto tre primi, un secondo e due terzi posti per un totale di 60 punti, con Fiamme Oro e Nippon Club (*), rispettivamente secondo e terzo con 16 punti.

Domenica è il turno delle ragazze e questo è il link per seguire la gara

Risultati maschili ->>> CLICCA QUI

55: 1. Alexander Jelic Arenza (Crs Akiyama), 2. Andrea Biffi (Judo Bergamo), 3. Nicolò Busia (Crs Akiyama) e Antonino Leopoldo Lo Presti (Judo Novasconi)

60: 1. Francesco Sampino (Judo Virtus), 2. Manuel Parlati (Fiamme Oro), 3. Simone Aversa (Banzai Cortina) ed Alessio De Luca (Ginnastica Triestina)

66: 1. Flavio Petruzzelli (Crs Akiyama), 2. Ciro De Luca (Fiamme Oro), 3. Giuseppe De Tullio (Team Iacovazzi) e Michele Schiraldi (Crs Akiyama)

73: 1. Samuel Salvo (Crs Akiyama), 2. Lorenzo Iovine (Nippon Club Napoli), 3. Fabrizio Esposito (Star Judo Club) e Gabriele Belviso (Airon Judo 90)

81: 1. Leonardo Piccolo (Accademia Torino), 2. Francesco Ceglie (Crs Akiyama), 3. Daniil Lupu (Center Parma) e Elia Salvetti (Forza e Costanza Brescia)

90: 1. Gabriele Sammartino (Judo Preneste), 2. Emilio Tindaro Bongiorno (Airon Judo 90), 3. Tommaso Fava (Kdk Spello) e Andrea Raffaeli (Banzai Cortina)

100: 1. Edoardo Clementi (Judo Chiaravalle), 2. Jean Carletti (Judo Camerano), 3. Francesco Basso (Carabinieri) e Luca Lo Iacono (Judo Club Leone)

+100: 1. Lorenzo Rossi (Sakura Imperia), 2. Emiliano Rossi (Castelverde), 3. Andrea Palumbo (Harmony Club) e Lorenzo Paradiso (Judo Club Ronin)

Società: 1. Akiyama Settimo Torinese, 60, 2. Fiamme Oro e Nippon Club, 16 (*)

(*) la classifica è stata corretta

Graziosi per l’oro e Angelucci per il bronzo a Rabat

Roma, 14 maggio 2022 – Ancora finali per i karateka italiani impegnati nella Premier League di Rabat. Stavolta è la diciottenne Aurora Graziosi, iscritta al torneo dal Gruppo Sportivo Fiamme Oro, che si è andata a conquistare una splendida finale per l’oro. Aurora, nella categoria dei -61 kg, non ha perso un incontro nel round robin e ha battuto l’ecuadoregna Factos ai quarti e la marocchina Chajai in semifinale.

Domani pomeriggio incontrerà l’egiziana Dahab Ali per il gradino più alto del podio. Stessa egiziana che ha sconfitto Giulia Angelucci nell’altra semifinale di categoria. Giulia, del Centro Sportivo Esercito, anche lei imbattuta fino alla semifinale, sfiderà l’olandese Lynn Snel per la medaglia di bronzo.

Sono 8 dunque le finali conquistate dagli atleti italiani alla Premier League di Rabat. 7 per il bronzo, con Asia Agus, Lorena Busà, David De Falco, Giulia Angelucci, Gianluca De Vivo, Amhed El Sharaby e Daniele De Vivo, ed 1 per l’oro con Aurora Graziosi.

La diretta streaming sarà da domattina dalle 9:00 (ora italiana) sul Canale YouTube della WKF.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteAd un anno dalla scomparsa di Franco Battiato. Un viaggio tra il sacro e gli archetipi
Articolo successivoADINOLFI (PDF), “QUANTA IPOCRISIA SU DJOKOVIC”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui