Advertisement

In libreria da giovedì 19 maggio:

GEORGE ORWELL

Advertisement

Senza un soldo a Parigi e a Londra
Giorni in Birmania

Traduzione e cura di Andrea Binelli

 

 

Newton Compton Editori – I MiniMammut

Mercoledì 18 maggio 2022 – In libreria da giovedì 19 maggio due capolavori di George Orwell in una nuova traduzioneSenza un soldo a Parigi e a Londra, che torna al pubblico italiano dopo circa sessant’anni dalla prima e unica traduzione, e Giorni in Birmania, che non veniva tradotto dal 1948, adesso editi da Newton Compton nella collana I MiniMammut, a cura di Andrea Binelli.

Senza un soldo a Parigi e a Londra (1933) è il testo d’esordio di George Orwell, che contamina naturalismo dickensiano e ambiente picaresco, tiro satirico alla Swift, etica della dignità (decency) e ironia pre-punk, reportage in tinta working class e sociologia delle controculture metropolitane. Sono questi elementi tipici di tutta una produzione letteraria orwelliana ibrida, coraggiosa e meno mitizzata ma altrettanto fondamentale di quella delle utopie negative. Il protagonista è un giovane inglese che, proprio come accaduto a Orwell, vive con entusiasmo la Parigi maleducata ed effervescente dei quartieri popolari ma, per una serie di imprevisti, si ritrova a fare letteralmente la fame. Trova quindi lavoro come sguattero in un albergo di lusso e la descrizione di quell’ambiente è ferocemente arguta, franca e travolgente. Quando riesce finalmente a tornare a Londra, l’ennesimo contrattempo lo butta sulla strada dove condividerà le privazioni e la miseria dei senzatetto. Anche in questo caso il protagonista tratteggia un affresco puntuale e lucido di una realtà troppo spesso censurata o ammantata di retorica.

Giorni in Birmania (1934) è il primo vero romanzo di Orwell, maturato durante i cinque anni in cui prestò servizio come agente della Polizia Imperiale Indiana in Birmania, l’attuale Myanmar (1922-1927), quando maturò anche l’imperativo di schierarsi sempre con gli ultimi. Non a caso al centro del libro c’è un personaggio introverso e logorato da una ribellione interna contro la violenza razzista e l’ipocrisia della retorica imperialista.
Spiega Andrea Binelli: «È proprio al termine della cruciale parentesi levantina che, posto di fronte agli orrori dell’imperialismo, Eric Arthur Blair (vero nome di Orwell) svestì la divisa di poliziotto e maturò la decisione di dedicarsi alla scrittura e votarsi alla causa dei più deboli. Dimostrò così la coerenza che anni più tardi lo spinse a scelte rare e importanti, come precipitarsi sulla prima linea spagnola a difendere la repubblica dal colpo di Stato franchista, per poi scriverne un testo, Omaggio alla Catalogna, che gli costò l’ostracismo dell’intellighenzia britannica ed europea. Anche se cambiò nome solo in un secondo momento, sancendo questa mutazione identitaria – da complice del furto coloniale a scrittore che lo denuncia, da poliziotto al soldo dell’impero a sodale degli sfruttati – fu indubbiamente in Birmania che Blair iniziò a diventare Orwell».

 

Andrea Binelli insegna Lingua e traduzione Inglese all’Università di Trento dove si occupa di semiotica, teoria e didattica della traduzione, linguistica dei corpora, analisi del discorso e irlandesistica. Ha tradotto, fra gli altri, George Orwell, Elske Rahill, Ford Madox Ford e Donal Ryan. Sta lavorando all’edizione critica di Omaggio alla Catalogna di George Orwell.

Senza un soldo a Parigi e a Londra PP: 256 / 9,90 euro, E-book 2,99 euro – ISBN: 9788822767134
www.newtoncompton.com/libro/senza-un-soldo-a-parigi-e-a-londra

Giorni in Birmania PP: 320 / 9,90 euro, E-book 2,99 euro – ISBN: 9788822767141
www.newtoncompton.com/libro/giorni-in-birmania

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedente  Il Festival della Lentezza apre “La Porta accanto”
Articolo successivoCuzzupi: Scuola, cercasi Dicastero efficiente e responsabile Solo chi è in malafede non vede quel che sta avvenendo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui