Advertisement

Lavoro. Paolo Capone, Leader UGL: “Stop produzione auto a benzina mette a rischio 70 mila posti di lavoro”

“La transizione green è un percorso necessario ma non può diventare un boomerang per la produzione nel nostro Paese. Se non si rivedono tempistiche e non si prevedono meccanismi adeguati per accompagnare tale processo, rischiamo di andare incontro a conseguenze drammatiche sul fronte occupazionale. Lo stop alle auto a benzina nel 2035 approvato dal Parlamento europeo rappresenta una seria minaccia per l’industria italiana. Senza margini sufficienti per la riconversione corriamo il pericolo di perdere almeno 70mila posti di lavoro. In tal senso occorre una politica sociale a sostegno degli espulsi dal ciclo produttivo al fine di garantire la tenuta sociale e il reinserimento professionale. Peraltro, è necessario considerare che non possediamo ancora la struttura logistica per le ricariche. Non abbiamo energia per alimentare l’auto elettrica a meno che non vogliamo appaltare nell’immediato la costruzione delle batterie ai cinesi. E’ fondamentale, pertanto, rivedere il piano energetico ricorrendo subito al nucleare e investendo sull’utilizzo di fonti alternative”. Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in occasione del tavolo di lavoro convocato da Forza Italia con le sigle sindacali e le rappresentanze del mondo datoriale a seguito dello stop totale della produzione di motori a combustione fossile dal 2035 approvato dal Parlamento europeo.

 

Advertisement

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteIl MEI–Meeting delle Etichette Indipendenti lancia una call nazionale per la raccolta delle immagini di tutte le edizioni passate del MEI. Selezionati gli 8 semifinalisti del MEETING MUSIC CONTEST, il cui vincitore si esibirà sul palco del MEI a Faenza.
Articolo successivoGAIA GENTILE DISPONIBILE IN FISICO E IN DIGITALE “TANTO TUTTO PASSA”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui