Advertisement

 

Napoli, via Merliani: liberato l’accesso dal “muro” dei motocicli

Advertisement

Bisogna ripristinare la catena e la segnaletica verticale

 

            ” Finalmente, dopo le proteste e le denunce, comparse su alcuni organi d’informazione e sui social, di residenti e commercianti del tratto pedonalizzato di via Merliani, nel quartiere Vomero, posto tra via Solimena e via Scarlatti, qualcosa comincia a muoversi, dimostrando purtroppo l’amara verità che a Napoli per ottenere il rispetto i propri diritti, in assenza delle normali attività di controllo da parte di chi dovrebbe svolgere il proprio lavoro di vigilanza urbana,  i cittadini devono mettere in atto forme di proteste eclatanti, che finiscono anche per danneggiare l’immagine della Città, laddove altrove il rispetto di leggi e regolamenti rappresenta la normalità. Così stamani con l’ausilio dei carri gru è stato finalmente rimosso il “muro” di motocicli che impediva anche ai pedoni di poter accedere all’isola pedonale dall’incrocio con via Solimena “.

 

            ” Adesso residenti e commercianti si augurano che questa operazione non resti isolata – sottolinea Capodanno – dal momento che già poco dopo l’operazione si notavano alcuni motocicli in sosta. Inoltre bisogna ripristinare la catena tra i due dissuasori posti al centro del varco per evitare che gli automezzi non autorizzati possano accedere a tutte le ore nell’isola pedonale “.

 

            ” Infine – puntualizza Capodanno – è necessario dotare l’area della necessaria quanto opportuna segnaletica verticale sia per indicare l’inizio dell’isola pedonale sia installando i divieti di sosta con rimozione lungo tutto il varco. Segnaletica che, allo stato, manca “.

 

            ” Peraltro – aggiunge Capodanno – c’è anche da osservare che a essere ostruito dai ciclomotori in sosta è uno dei possibili accessi all’isola pedonale, dove vi potrebbe essere la necessità di un’immediata apertura in caso di un intervento d’emergenza o per l’accesso di mezzi di soccorso. Sicché tale varco dovrebbe risultare perennemente libero, anche in ottemperanza alle disposizioni, al riguardo vigenti, per la sicurezza “.

 

            ” Naturalmente continueremo a seguire la vicenda – conclude Capodanno – assicurandoci che l’intervento odierno rappresenti solo l’inizio di un’attività costante e continua degli uffici competenti per eliminare tutte le disfunzioni manifestate da residenti e commercianti della zona, che riguardano, nel complesso, il decoro e la vivibilità urbana dell’area in questione, garantendone tranquillità e sicurezza “.

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteSan Giovanni in Fiore: inaugurata dopo 32 anni la messa in esercizio della diga di Re di Sole, “risultato storico”, dice la sindaca Succurro
Articolo successivoELEZIONI COMUNALI A L’AQUILA: UNA LETTURA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui