Advertisement

Afghanistan: Save the Children, timore per 118.000 bambini nell’area del terremoto. Difficili i soccorsi e l’assistenza sanitaria in un paese con i servizi decimati dal conflitto

 

Advertisement

L’Organizzazione si mobilita per valutare i bisogni più urgenti di bambini e famiglie nelle aree colpite e predispone forniture di beni essenziali e sostegno economico, mentre chiede alla comunità internazionale di fornire urgentemente ulteriori aiuti umanitari. Il terremoto è un ulteriore duro colpo ad un paese già in ginocchio, dove più di 18 milioni di bambini e adulti – quasi il 50% della popolazione – soffrono la fame

 

 

A seguito del peggior terremoto che abbia colpito l’Afghanistan in due decenni, Save the Children sta raggiungendo le aree più colpite per valutare i danni e le necessità più urgenti dei bambini e delle loro famiglie. Il terremoto di magnitudo 5,9 ha colpito a 10 km di profondità il sud-est dell’Afghanistan nelle prime ore di mercoledì, mentre la maggior parte delle persone dormiva.

Si stima che più di 1.000 bambini e adulti abbiano perso la vita e circa 1.500 persone siano rimaste ferite. Numeri destinati ad aumentare man mano che le squadre di emergenza raggiungeranno le aree più remote.

“Save the Children è molto preoccupata per gli oltre 118.000 bambini che potrebbero essere stati colpiti dal terremoto nell’area interessata nel sud-est dell’Afghanistan. Abbiamo notizie di persone che si sono rifugiate all’aperto sotto teli di plastica, e molti bambini sono ora probabilmente privi di acqua potabile, cibo e un posto sicuro dove dormire. I bambini sono tra le persone più vulnerabili nelle aree colpite dai disastri naturali come in questo caso, perché sono più esposti al rischio di soffrire la fame, possono contrarre più facilmente malattie infettive e, se gravemente feriti, possono rischiare la vita se non vengono soccorsi. Nei casi in cui rimangono orfani o si ritrovano separati dai propri genitori o familiari, sono anche esposti al rischio di sfruttamento e abuso”, ha dichiarato Chris Nyamandi, Direttore per l’Afghanistan di Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

“ll nostro team sta raggiungendo alcune delle aree più colpite per iniziare a valutare i danni e i bisogni immediati dei bambini, per capire come poterli aiutare al meglio. Abbiamo predisposto forniture di emergenza come teloni, coperte, vestiti per bambini, scarpe e utensili da cucina, pronte per essere trasportate e poi distribuite sul posto. Siamo pronti anche a fornire assistenza economica di emergenza alle famiglie, che in molti casi si ritrovano ad aver perso tutto. I bambini afghani hanno sopportato anni di sofferenze e il terremoto di ieri nelle province sudorientali dell’Afghanistan è solo un altro colpo a un Paese già in ginocchio. Save the Children chiede alla comunità internazionale di fornire urgentemente ulteriori aiuti umanitari, non solo per la risposta al terremoto, ma per la più ampia crisi in Afghanistan, dove più di 18 milioni di bambini e adulti, che sono quasi il 50% della popolazione, soffrono la fame. Di fronte a questa catastrofe ci rendiamo conto di come l’assistenza sanitaria e i servizi pubblici siano stati decimati negli ultimi 12 mesi e di quanto sia importante che i governi forniscano assistenza su larga scala per rimettere in funzione i servizi di base, come gli ospedali. Oltre agli aiuti salvavita nell’immediato, la comunità internazionale deve anche affrontare il collasso economico dell’Afghanistan, sbloccando i beni e identificando i modi per aumentare la liquidità nell’economia del Paese. Finché non si affronterà la crisi economica e non si arginerà l’aumento della povertà, i bambini continueranno a soffrire e sarà più difficile intervenire per le organizzazioni umanitarie, anche nel caso di disastri come questo tragico terremoto”.

Save the Children sostiene le comunità e protegge i diritti dei bambini in Afghanistan dal 1976, anche durante periodi di conflitto, cambiamenti di regime e disastri naturali. Abbiamo interventi attivi in 9 province e lavoriamo con partner in altre sei.

Da quando i Talebani hanno ripreso il controllo nell’agosto 2021, abbiamo intensificato la nostra risposta per sostenere il numero sempre maggiore di bambini in difficoltà. Stiamo fornendo assistenza sanitaria, nutrizione, istruzione, protezione dell’infanzia, alloggi, acqua, servizi igienici e sanitari, sicurezza alimentare e sostegno ai mezzi di sussistenza.

Per sostenere gli interventi in emergenza di Save the Children: https://www.savethechildren.it/dona-fondo-emergenze

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteMalattie Reumatologiche: le novità terapeutiche dei biobetter, farmaci biosimilari con nuova formulazione. Solo in Italia sono 600mila i pazienti colpiti da artrite reumatoide

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui