Advertisement

Italian Challenge Open, è subito spettacolo. Cinque i leader, gli azzurri inseguono

          Al Golf Nazionale (par 71) di Sutri, nel torneo dell’Italian Pro Tour – inserito anche nel calendario del Challenge Tour – Bergamaschi e l’amateur Iacovitti condividono la 18/a posizione. Scalise 29/o, Manassero e Ortolani 47/i

Advertisement

Al Golf Nazionale (par 71) di Sutri (Viterbo) il primo round dell’Italian Challenge Open è iniziato all’insegna dell’equilibrio e dello spettacolo. Nel quarto torneo dell’Italian Pro Tour 2022, inserito anche nel calendario del Challenge Tour, dopo le 18 buche di apertura, sono al vertice con 66 (-5) colpi cinque concorrenti: gli svedesi Robin Petersson e Joakim Wikstrom, lo spagnolo Ivan Cantero Gutierrez, il norvegese Kristian Krogh Johannessen e il tedesco Freddy Schott. A tallonarli un altro svedese, Christopher Feldborg Nielsen, e il sudafricano Deon Germishuys, 6/i con 67 (-4).

I migliori tra i tredici italiani in campo sono stati Filippo Bergamaschi e il dilettante Leonardo Iacovitti, 18/i con 69 (-2) davanti a Lorenzo Scalise, 29/o con 70 (-1) e runner up in questo evento nel 2019.

Tra gli azzurri sorprende Iacovitti, 18/o come Bergamaschi – Nel secondo round, sarà chiamato alla rimonta Matteo Manassero, 47/o con 71 (par) dopo un primo giro con tre birdie e altrettanti bogey. Stesso score, tra gli altri, anche per Michele Ortolani e per lo svedese Jens Dantorp, secondo nell’ordine di merito del Challenge Tour. Dietro di loro ecco Federico Maccario e Cristiano Terragni, 71/i con 72 (+1), Jacopo Vecchi Fossa, Andrea Romano e Giulio Castagnara, 82/i con 73 (+2). Avvio complicato per Luca Cianchetti, 106/o con 74 (+3), Enrico Di Nitto, 116/o con 75 (+4), e per Edoardo Raffaele Lipparelli, 150/o con 80 (+9).

Ha stupito Leonardo Iacovitti, alla prima gara in un tour professionistico, da amateur e al fianco dei migliori giocatori del secondo circuito europeo maschile. Il 16enne romano, tesserato per l’Olgiata Golf Club, entrato nel field in extremis per via del forfait (dettato da un problema fisico) di Aron Zemmer, ha realizzato sei birdie e quattro bogey. Filippo Bergamaschi ha messo insieme cinque birdie e tre bogey, mentre Lorenzo Scalise ha firmato tre birdie, con due bogey.

Le dichiarazioni

Robin Petersson: “Ho espresso un gioco molto solido su un campo bello, difficile, che richiede molta precisione per rimanere in fairway ed evitare le insidie del rough, da cui non è sempre agevole uscire. I miei obiettivi sono proiettati a fine stagione dove punto a entrare nel DP World Tour. E’ la prima volta che vengo a giocare nel Lazio e ne approfitterò per vedere Roma, una citta meravigliosa”.

Filippo Bergamaschi: “Abbiamo sofferto molto il caldo, a tratti insopportabile, che ha reso tutto più complicato. Il risultato di ‘meno 2’ è più che positivo. Ed è arrivato su un percorso duro, che sa difendersi, dove la buca 18, che un tempo era un par 5 e ora un par 4, ha aggiunto qualcosa in più alle difficoltà. Obiettivi? Dare il massimo prima di concedermi una settimana di riposo per poi intraprendere una lunga volata fino al termine della stagione”.

Leonardo Iacovitti: “E’ stato un debutto emozionante, un esordio in un circuito professionistico e al fianco di tanti campioni, che difficilmente dimenticherò. Ho giocato bene, su un campo eccellente, spero davvero di continuare così”.

Formula e montepremi – L’Italian Challenge Open (156 concorrenti) si disputa sulla distanza di 72 buche, con taglio dopo 36 che lascerà in gara i migliori 60 classificati e i pari merito al 60/o posto. Il montepremi è di 350.000 euro, di cui 56.000 andranno al vincitore.

I Partner – L’Italian Pro Tour ha il supporto di DS Automobiles (Main Partner); Fideuram (Official Bank); Kappa (Technical Supplier); Rinascente (Official Supplier); Eureco (Official Supplier); Corriere dello Sport, Tuttosport, Il Giornale (Media Partner). Sport Senza Frontiere Onlus (Social Partner). Official Advisor: Infront.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteRicordo della strage di Ciaculli, avvenuta il 30 giugno 1963
Articolo successivo9/7 Marco Faraone @ Bolgia Summer Garden – Bergamo 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui