Advertisement

Dati Inail. Paolo Capone, Leader UGL: “Strage inaccettabile. Urgono interventi a tutela dei lavoratori”

“Le denunce di infortunio sul lavoro presentate all’Inail tra gennaio e giugno 2022 sono state 382.288. Un incremento allarmante pari al +43,3% rispetto allo stesso periodo del 2021. L’aumento delle denunce di infortunio riguarda tutte le aree del Paese: più consistente nel Sud (+60,4%), seguito da Isole (+57,7%), Nord-Ovest (+50,8%), Centro (+45,0%) e Nord-Est (+26,1%). I casi mortali denunciati sono stati 463, numeri a dir poco agghiaccianti che non possono essere tollerati. A tal proposito risulta necessario investire in azioni concrete per rafforzare la sicurezza sul lavoro e fermare questa strage quotidiana. È fondamentale, in tal senso implementare i controlli sui luoghi di lavoro per prevenire ulteriori tragedie. La sicurezza e la formazione dei lavoratori devono diventare la priorità all’interno dell’agenda politica. La manifestazione dell’UGL ‘Lavorare per vivere’, ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni proprio sul dramma delle morti sul lavoro e promuovere la cultura della sicurezza”. Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, in merito ai dati Inail del primo semestre 2022 sugli incidenti sul lavoro.

Advertisement

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteLISTA PER IL REFERENDUM E LA DEMOCRAZIA: PRESENTATO IL SIMBOLO. AVVIATA LA RACCOLTA DELLE CANDIDATURE.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui