Advertisement

FORMAZIONE

IN ESCLUSIVA

Advertisement

12 giorni di eventi internazionali gratuiti

con i protagonisti dei creative media di tutto il mondo

per scoprire le opportunità di studio e carriera

Da lunedì 5 a martedi 16 settembre decine di incontri.

Sono offerti dal SAE Institute, il più grande Creative Media College,

che in Italia ha sede a Milano. Ecco il programma.

www.sae.edu

Un’occasione unica al mondo.

SAE Institute, il più grande Creative Media College, offre ai giovani 12 giorni di eventi gratuiti con big internazionali dei vari settori in cui eroga formazione – audio, video, music, animazione 2D/3D, games – per conoscere le opportunità di studio e di carriera in questi campi, in rapida evoluzione ed espansione, scambiarsi pratiche e idee e fare networking. Una grande esperienza umana oltre che formativa.

La seconda edizione delle Industry Weeks partirà lunedì 5 settembre.

Si tratta di circa 30 appuntamenti fino a martedì 16 settembre, quasi tutti on line, di portata internazionale, grazie all’European Creative Community dell’Accademia che è presente in 28 Paesi e 6 continenti, con più di 54 campus. In Italia è a Milano in via Trentacoste 14.

In generale, sono previsti tre format di incontri: con esperti del settore e con docenti di SAE Institute, tutti comunque noti professionisti, che sveleranno ai partecipanti i segreti del mestiere; inoltre, per la serie SAE Futures, confronti con i nuovi talenti, che hanno studiato al SAE Institute, per condividere le loro esperienze di formazione e di lavoro.

Con questa seconda edizione delle Industry Weeks abbiamo in programma eventi dedicati ad oltre 2.200 tra studenti e futuri studenti SAE in 7 Paesi europei. L’obiettivo è mettere in contatto la nostra rete con i professionisti e le imprese dell’industria creativa per scambiare informazioni e creare opportunità di networking”, ha affermato Daniele Raina, Campus Marketing Manager UK & SWEU di SAE Institute. “È un progetto in crescita e dalla trazione fortemente internazionale, che permette ai futuri protagonisti di questo settore di mantenere un elevato livello di competitività, con lo sguardo attento alle tendenze e gli sviluppi non solamente nel proprio ambito di specializzazione.”

Ecco il programma completo delle Industry Weeks: https://www.sae.edu/gbr/study/industry-weeks-2022/

LUNEDÌ 5 SETTEMBRE

Ore 17- 18.30

Games- “Design del videogioco”Masterclass online con José María Gómez de Lara, sviluppatore di videogiochi per Azerion, una delle società di intrattenimento multimediale più forti in Europa. José inizia come ingegnere di app web in Spagna; reindirizza la sua carriera nell’industria dei videogiochi nei primi anni 2000, entrando in Microsoft Game Studios, in Irlanda. In quel periodo lavora a un nuovo lancio su console, Xbox360, e a diversi titoli di produzione di punta come MassEffect, Gears of War, Guitar Hero, Halo 3 e a un flop del progetto sotto forma di dispositivo di intrattenimento multimediale (Zune), ricoprendo i ruoli di QA, product owner o Software Test Lead. In seguito, collabora con aziende come TomTom, Telegraaf Media e Subatomic, nei Paesi Bassi. Poi con Guerrilla Games lavora all’uscita di Killzone 3 e Killzone Shadow Fall, contribuendo a plasmare il potere di PS4, e lavora pure su Horizon Zero Dawn, diretto a PS5. Infine fonda con un amico il proprio studio indipendente ad Amsterdam: Radical Graphics Studios che si occupa della produzione di giochi per dispositivi mobili, applicazioni di gamification, giochi di realtà virtuale e, ultimamente, giochi blockchain.

Per iscriversi: https://www.eventbrite.com.au/e/meet-the-pros-jose-maria-gomez-de-lara-design-in-games-tickets-354549315547

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteONLINE IL VIDEO DEL NUOVO COINVOLGENTE SINGOLO “SIN FIN” INSIEME ALLA SUPERSTAR JUSTIN TIMBERLAKE
Articolo successivoMIGLIAIA DI FAN A LEOLANDIA PER I DINSIEME CONFERMATA UNA NUOVA DATA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui