Advertisement

Aiuti umanitari per il Kosovo, dal Reventino.Arma dei Carabinieri si trova dislocata nelle città  Pristina nell’ambito dell’operazione denominata “Joint Enterprise” ambito missione NATO-KFOR.

 

Advertisement

Nell’ambito di tale attività è da segnalare il reggimento Carabinieri MSU di Pristina che svolge la propria attività ambito città di Mitrovica.Tra loro hanno svolto servizio, anche militari dell’Arma della Compagnia Carabinieri di di Soveria Mannelli da cui è arrivata la richiesta di aiuti alla popolazione kosovara.

Dal racconto di quest’ultimi, su quali difficoltà e disagi vivono i kosovari nelle periferie delle  città, è nata l’iniziativa di solidarietà caratterizzata dalla raccolta di beni di prima necessità per i cittadini del Kosovo (case famiglia, orfanotrofi, famiglie disagiate, etc).Per cui entra in campo da circa otto anni L’UNITALSI, Gruppo  Parrocchiale del Reventino coordinato dal Barelliere Francesco Bonaddio in stretta collaborazione con  il Parroco Roberto Tomaino e il Presidente della Sottosezione di Lamezia Terme Carlo Mercuri, creando un  Laboratorio inclusione sociale disabilità è un progetto che si propone di rendere la persona con disabilità protagonista del proprio percorso di vita. Il progetto nasce per dare un aiuto concreto a un bambino povero mettendo la disabilità al loro servizio.Per ogni bambino la giusta opportunità!

Al giorno d’oggi, guardandoci intorno, ci troviamo di fronte a una verità scomoda ma innegabile: la sorte di milioni di uomini dipende semplicemente dal paese in cui si trovano, dalla comunità che li circonda, dal ceto sociale e dalle circostanze in cui sono nati.Noi quella goccia    nell ‘oceano  la vogliamo mettere.I volontari dell ‘UNITALSI del Reventino hanno raccolto derrate alimentari di prima necessità, giocattoli, vestiario, coperte, materiale didattico per la scuola e medicine da destinare alle popolazioni kosovare.

Alla raccolta hanno contribuito i titolari degli stabilimenti “Pastificio Cardamone”i supermercati della zona tra cui Il  Conte, Pick- up Al Discount, Conad e Il Gruppo Talarico S. R. L. hanno messo a disposizione più di una tonnellata dei loro prodotti. Altresì sono raccolte altri prodotti di prima necessità.I beni reperiti , che sono stati raccolti grazie a questa iniziativa di solidarietà, giovedì sono partiti da Soveria Mannelli alla volta della base Carabinieri MSU di Pristina, a bordo di autocarri del Reggimento Carabinieri MSU del Team Ci.Mi.C.(Cooperazione Militare e Civile) che si occupa di aiuti umanitari sull’intero territorio del Kosovo.Icarabinieri del team Cimic, unità fondamentale nel supporto alla popolazione,provvederanno personalmente alla distribuzione tra i bisognosi.

Si tratta di un ‘attività svolta quotidianamente a favore sia di singole famiglie che di intere comunità. In particolare il team collabora con la Croce Rossa locale, con rappresentanze della Caritas, con scuole materne gestite da organi ecclesiastici, con un ambulatorio medico in Vitina gestito dalle suore di Madre Teresa, con la mensa dei poveri di Pristina e con il monastero ortodosso di Decane.Conclude il coordinatore del Gruppo UNITALSI Francesco Bonaddio” è mio vivo desiderio che il popolo cristiano rifletta  sulle opere di misericordia corporale e spirituale. Sarà un modo per risvegliare la nostra coscienza spesso assopita davanti al dramma della povertà e per entrare sempre più nel cuore del Vangelo, dove i poveri sono i privilegiati della misericordia di Dio.”

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteAIFI – ASSOCIAZIONE ITALIANA DI FISIOTERAPIA GIORNATA MONDIALE DELLA FISIOTERAPIA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui