Advertisement

Iran: Le prove di orribili crimini contro l’umanità nella prigione di Sepidar nel marzo 2020 ad Ahvaz 

Il Comitato per la Sicurezza e l’Antiterrorismo dell’NCRI rivela che 16 prigionieri sono stati uccisi durante la rivolta del carcere di Sepidar il 30 marzo 2020; i nomi dei prigionieri e i documenti falsificati.

Advertisement

Il Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (NCRI) aveva annunciato in una dichiarazione dell’8 aprile 2020: “Almeno 10 prigionieri sono stati uccisi nella prigione di Sepidar ad Ahvaz il 30 marzo a causa del fuoco aperto dai miliziani dell’IRGC: Faizullah Mokhtari, Sajjad Pishdad (Mahrooi), Alireza Hajivand, Mohammad Tamoli, Mohammad Leftah, Mohammad Salamat, Ali Khafaji, Majid Zubeidi, Shahin Zuhairi e Seyed Reza Khorsani (Moghinami)”.

Allo stesso tempo, Maryam Rajavi, Presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (NCRI), ha messo in guardia dai crimini contro l’umanità nelle carceri e ha chiesto un’azione immediata da parte del Segretario Generale delle Nazioni Unite, del Consiglio di Sicurezza, del Consiglio per i Diritti Umani, dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani e dell’Unione Europea per salvare le vite dei prigionieri dal massacro e dal Covid-19.

Ora, il Comitato per la Sicurezza e l’Antiterrorismo dell’NCRI (SNCRI) rende noti i documenti relativi all’uccisione di 16 prigionieri nella prigione di Sepidar ad Ahvaz il 30 marzo 2020. Il numero reale è sicuramente più alto. Inoltre, non ci sono ancora prove sulle quattro vittime i cui nomi sono stati annunciati nella dichiarazione dell’NCRI dell’8 aprile.

Secondo i documenti ottenuti dalla prigione di Ahvaz, su ordine della magistratura del regime iraniano, il direttore della prigione di Sepidar ha emesso 15 rapporti identici l’1 e il 2 aprile 2020, specificando la causa della morte di 16 prigionieri come “assunzione di metadone” dopo “furto di medicinali dall’infermeria”. Ogni rapporto si riferisce a un solo prigioniero; tuttavia, i nomi di due vittime sono citati in uno dei rapporti (Sajad Pishdad e Mohammad Reza Mughinami).

Tutti questi documenti, intitolati ” report di morte”, riportano il nome, il cognome e il nome del padre del prigioniero, facendo riferimento a una lettera specifica con un numero:

“Considerando la rivolta di massa dei detenuti in questo carcere il 30 marzo 2020, il suddetto era tra i detenuti che hanno partecipato alla rivolta, e dopo aver devastato la struttura del carcere e averla incendiata, ha attaccato l’infermeria di questo carcere e ha rubato dei farmaci. Pare che sia morto a causa dell’assunzione di metadone. Un fascicolo preliminare è stato archiviato e inviato alla Procura di Ahvaz, e il suo corpo è stato consegnato all’obitorio dell’ufficio del medico legale. La questione viene portata alla vostra attenzione per qualsiasi scopo giudiziario”.

La causa del decesso di Faizullah Mokhtari è descritta come “assunzione di metadone e avvelenamento”, mentre per gli altri è scritto solo “assunzione di metadone”.

I nomi dei 16 prigionieri deceduti sono i seguenti:

1- Faizullah Mokhtari
2- Abdul Reza Bag’an
3- Nasser Zubeidi
4- Afshin Karimpour
5- Amin Karimi
6- Shahin Zuhairi
7- Alireza Ali Moradi
8- Sajjad Pishdad
9- Mohammad Reza Mughinami
10- Majid Zubeidi
11- Iman Jamshidi Fard
12- Mohammad Tamoli
13- Rasul Abbasi Chadgani
14- Rahim Alizadeh
15- Soroush Makvandi
16- Maitham Hesabi Junaqani

Come si evince dai documenti, la lettera del direttore del carcere di Sepidar è stata inviata a vari dipartimenti del tribunale, della procura, delle indagini e dell’esecuzione delle sentenze penali. Tutti coloro che in questi settori hanno partecipato al crimine sono considerati complici. La Guida suprema del regime Ali Khamenei, il suo presidente Ebrahim Raisi e il capo della magistratura Gholam Hossein Mohseni Eje’i sono i principali colpevoli.

Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (NCRI)  

 

Comitato per la Sicurezza e l’Antiterrorismo 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteLONDON BRIDGE IS DOWN

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui