Advertisement

Sabato 24 settembre alle ore 17, presso il Circolo dei Lettori di Torino, (via Bogino 9) si svolgerà la cerimonia di premiazione della prima edizione del Premio Nazionale di Drammaturgia – Maricla Boggio.

Il concorso, su scala nazionale, è stato indetto da Teatro al Femminile, con il patrocinio della Città di Torino e della SIAD (Società italiana autori drammatici) e il contributo di Banca di Asti.

Advertisement

Tra le 150 opere iscritte, la giuria – composta da Stefano Aiello, Jacopo Bezzi, Antonella De Tino, Arianna Fontanot e Giulia Trivero – ha decretato la rosa dei tre finalisti i quali scopriranno sabato 24 settembre in che posizione si sono classificati, aggiudicandosi un premio di 500, 300 e 100 euro.

Sul podio Chiara Arrigoni (Milano) con la sua drammaturgia Ninive, Luca Garello (Imperia) con il testo Quando gli uomini erano uomini e Ilaria Lonigro (Lucca) con 32, a beautiful thing.

Inoltre le giurate e i giurati hanno stabilito due menzioni d’onore per Allora ti ho lasciata andare, scritto da Giusi Arimatea (Catania) e  Il numero ventidue di Alessia Giovanna Matrisciano (Trento).

“Il concorso è nato dall’idea di voler dare un’opportunità ad autrici e autori, senza alcuna restrizione espressiva e senza tematiche o generi imposti – spiega Virginia Risso, direttrice artistica di Teatro al Femminile –. Crediamo che la libertà creativa non debba essere condizionata da confini che spesso riducono a cronaca la scrittura”.

Durante la premiazione, interverrà Maricla Boggio, scrittrice, drammaturga e giornalista torinese a cui è dedicato il premio. Allieva di Orazio Costa, Paolo Grassi e Jacques Lecoq, si è diplomata in regia all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. Sin dagli esordi la sua produzione teatrale è orientata da un forte impegno politico/sociale e da un grande interesse antropologico per il diverso.

Ha fondato, insieme a Dacia Maraini e Edith Bruck, il Teatro femminista della Maddalena e l’Associazione Isabella Andreini comica gelosa, che riuniva donne impegnate in diversi ruoli nel mondo teatrale: autrici, attrici, registe, studiose, operatrici.

Vincitrice di numerosi premi tra cui il Premio IDI, il Premio Candoni e il Premio Giacomo Matteotti, è direttrice editoriale della rivista teatrale “Ridotto” e collaboratrice della rivista “Inscena”.

L’attività di Maricla rappresenta per Teatro al Femminile un modello a cui ispirarsi e un esempio di cui perseguire gli obiettivi: “Viviamo in una società che ancora emargina e penalizza in base al sesso, alla razza, all’orientamento religioso e sessuale. Ognuno, con i propri mezzi, deve portare avanti un messaggio per il bene collettivo e noi di Teatro al Femminile, attraverso la potenza dell’Arte, vogliamo comunicare l’importanza di vivere in un mondo privo di discriminazioni e prevaricazioni, un mondo in cui tutti abbiano pari diritti e opportunità” conclude la Risso.

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteRIDF: LE MASTERCLASS E GLI INCONTRI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui