Advertisement

 

È stata pubblicata l’interrogazione a risposta scritta con cui Francesco Sapia, deputato di Alternativa, ha chiesto al governo di impugnare la legge della Regione Calabria, dello scorso 4 agosto, che ha aumentato il compenso dei direttori generali e dei commissari straordinari delle nove aziende del Servizio sanitario calabrese. Lo rende noto un comunicato dello stesso parlamentare, che nella sua interrogazione, redatta con la collaborazione dell’esperto di sanità Tullio Laino, ha accusato il Consiglio regionale della Calabria d’aver scavalcato la potestà esclusiva dello Stato nella specifica materia. «L’effetto di questa trovata elettoralistica del centrodestra è – precisa Sapia – un maggiore esborso pubblico, pari a circa 410 mila euro per ciò che resta del 2022 e a quasi un milione di euro per ciascuno degli anni 2023 e 2024, alla faccia dei pazienti calabresi, costretti a subire disagi enormi e perfino le pene dell’emigrazione sanitaria, che in tutto costa 300 milioni all’anno». «Ho agito ancora una volta – rimarca il deputato di Alternativa – nell’interesse dei cittadini e al di fuori di ogni mia utilità, peraltro non essendo candidato alla carica di deputato o di senatore. Ho ascoltato la voce della mia coscienza e ritenuto un dovere inderogabile intervenire contro il vergognoso e immotivato aumento dello stipendio dei manager sanitari della Calabria, non subordinato ad alcuna valutazione preliminare dei risultati. Spero che il prossimo 25 settembre gli elettori – conclude Sapia – vogliano punire gli artefici di questo scellerato provvedimento e mi auguro che il governo lo impugni davanti alla Corte costituzionale, dando un segno di rigore morale quantomai necessario».

Advertisement

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteLA VERITA’ è il nuovo singolo di Weid.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui