Advertisement

“Non è la religione il problema, ma l’essere umano che non sa vivere senza fare del male agli altri. L’appello degli animalisti: fermiamo la violenza su persone e animali.”

 

Advertisement

Mahsa Amini si trovava con la famiglia a Teheran in vacanza, quando è stata portata via da una pattuglia della “polizia morale” a bordo di un van davanti al fratello, Kiarash, mentre si trovava per strada. Gli agenti hanno riferito al fratello che la stavano portando via per “rieducazione” e che sarebbe stata rilasciata la sera stessa; quando l’uomo ha provato a intervenire, sono stati usati contro di lui gas lacrimogeni e gli è stato girato il polso dietro la schiena. Mahsa non è più tornata da suo fratello e dai suoi cari, è morta a 22 anni, arrestata perchè portava male il velo, e non più tornata.

L’appello di Meta Parma: “Piange il cuore per quanto accaduto a Mahsa, e per quanto accade a tantissime donne, bambini e animali in tutto il mondo. Non puntiamo il dito su tutto il mondo islamico, piuttosto fermiamo la violenza, il male non ha niente a che fare con le religioni, bisogna rispettare la vita. Non è la religione il problema, ma l’essere umano che non sa vivere senza fare del male agli altri.”

Islamismo: in base al Corano, il testo sacro islamico, le donne sono uguali agli uomini di fronte ad Allah. Cristianesimo: in base al quinto comandamento, non uccidere. “Eppure in entrambe le religioni, per involuzione e tradizioni violente, gli uomini hanno causato e causano dolore e sofferenza, sia agli animali sia alle persone. -dice Meta Parma- “Un esempio su tutti, la caccia alle streghe: 500 anni di torture e stragi, un milione di donne torturate e uccise dalla Chiesa cattolica nell’arco di 5 secoli, mentre gli animali massacrati non si contano nemmeno e la strage continua.”

Esista o no, in qualsiasi modo si chiami, Dio Allah o Geova, è Vita e Amore, e il male degli umani non ha niente a che fare con tutto questo. Esista o no, tutte le violenze degli umani sugli altri animali umani o non umani, (omicidi, mattatoi, eccetera) non hanno niente a che fare con Dio.

Il problema non è la religione, ma è l’essere umano che non ha cuore e amore, o che ha perso la via del bene. Ed è molto più facile puntare il dito sugli altri che farsi un esame di coscienza, iniziando a fare la propria parte per fermare la violenza. La violenza va fermata tutta, sia sugli animali sia sulle persone, e ognuno di noi ha il dovere di fare la sua parte per fermarla. Allevamenti intensivi, mattatoi, macellazione cristiana e macellazione rituale islamica, iniziamo a fermare tutto questo e inizieremo a vivere in un mondo di pace, contro ogni violenza. Solo questo potrà fermare anche la violenza sugli umani, perchè la violenza va fermata tutta, e non c’è altro modo. Noi di Meta Parma, Movimento Etico Tutela Animali e Ambiente, come antispecisti contro ogni violenza continueremo a mandare il nostro messaggio in difesa degli animali, dell’ambiente, e delle persone. Continueremo a portare avanti il nostro no allo sfruttamento animale, no al razzismo, no allo specismo, no ai mattatoi, no alla violenza su animali e persone, no alla discriminazione, cercando di migliorarci sempre in questo percorso, perchè l’animalismo è rispetto per ogni vita.

«Ogni animale che va sulla Terra, ogni uccello che vola con le sue ali è come voi in comunità. Noi non abbiamo omesso nulla nel Libro. Al Signore saranno ricondotti» (Il Corano 6:38).

 

Associazione Meta Parma

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteI manoscritti non bruciano, Bulgakov debutta in teatro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui