Advertisement

L’omaggio del nono Torino Underground Cinefest a Jonas Mekas

In occasione del centenario della nascita di Jonas Mekas, martedì 4 ottobre, dalle ore 19.50, al CineTeatro Baretti di Torino, verrà presentato “Jonas Mekas. Cinema e vita” di Giulia Simi in un talk condotto da Alessandro Amato; a seguire l’anteprima italiana di “Jonas in the Fields” (Germania, 2021) di Peter Sempel, dedicato agli ultimi anni di attività del filmmaker e poeta lituano.

Advertisement

 

All’interno della programmazione del nono Torino Underground Cinefest, che si svolgerà dal 27 settembre al 5 ottobre al CineTeatro Baretti di Torino, vi sarà un omaggio per il centenario della nascita di Jonas Mekas.

Il filmmaker (o “filmer”, come preferiva) e poeta lituano naturalizzato statunitense, scomparso il 23 gennaio 2019, ha lasciato un grande vuoto nella comunità cinefila internazionale. Al fine di rendere il giusto tributo al maestro del Diary Film, nonché prezioso promotore e archivista del Nuovo Cinema Americano degli anni Sessanta, il TUC, proposto dall’Associazione Culturale SystemOut e dall’Università Popolare ArtInMovimento APS e ideato e diretto dal regista Mauro Russo Rouge, propone una serata speciale. Martedì 4 ottobre, dalle ore 19.50, verrà presentato “Jonas Mekas. Cinema e vita” della docente di cinema Giulia Simi, primo testo in lingua italiana sull’autore, in un talk condotto dal critico cinematografico Alessandro Amato. A seguire sarà proiettata l’anteprima italiana di “Jonas in the Fields” (Germania, 2021) di Peter Sempel, selezionato nel concorso Documentari del TUC e dedicato agli ultimi anni di attività di Mekas.

“Per molti registi contemporanei Jonas Mekas rappresenta la libertà di fare cinema con la vita, senza bisogno di inventare storie o recitare una parte, ma lasciando che la realtà si faccia poesia – spiega il curatore della sezione Alessandro Amato -. Quest’anno abbiamo quindi raccolto i documentari più liberi e poetici fra quelli visionati e speriamo così di dare un contributo al suo ricordo”.

“Doveroso questo omaggio che ho sostenuto fin da subito. Il TUC sta crescendo e vuole diventare sempre di più luogo di riflessione e di approfondimento, continuando a dare visibilità ai migliori prodotti a livello internazionale del cinema indipendente”, conclude il direttore artistico Mauro Russo Rouge.

Come segnalato, a questo link https://tucfest.com/wp-content/uploads/2022/09/Programmazione_TUC22_NONA-EDIZIONE.pdf si trova il programma mentre https://filmfreeway.com/TUCFEST/tickets è il link per acquistare gli ingressi. È possibile acquistare gli ingressi anche tramite Satispay.

Si evidenzia che i media-partners dell’evento sono, accanto ad ArtInMovimento Magazine, Sentieri Selvaggi, CameraLook, Arte Settima, Il documentario, Cinematographe.it, Cinema4Stelle, Taxidrivers, FucineMute, Central Do Cinema, Der Zweifel, Fotogrammi, Psycofilm, MusiCulturA online, ArtApp e PoliticamenteCorretto.

Si configurano, come partner culturali, Realeyz, Uam.Tv, il Circolo del cinema di Tortona, il CineTeatro Baretti e FilmFreeway.

Annunziato Gentiluomo Ph.D.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteFestival del Medioevo. Dinastie. Famiglie e potere 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui