Advertisement
Aidos per un approccio trasformativo di genere
 
Il 6 febbraio, Giornata internazionale contro le mutilazioni genitali femminili, Aidos lancia un video per spiegare la necessità di un approccio trasformativo di genere per affrontare le MGF e la violenza di genere.

 

Sono circa 200 milioni le ragazze e le donne che hanno subito le MGF, in 31 paesi di cui abbiamo dati a disposizione. Eppure, la maggior parte delle ragazze e delle donne, pensa che la pratica vada abbandonata. Se c’è stato un calo generale della prevalenza della pratica negli ultimi tre decenni, non tutti i paesi hanno fatto progressi e il ritmo del declino è stato irregolare. Inoltre, dal 2020, la pandemia di COVID-19 ha colpito negativamente e sproporzionatamente le donne, rischiando di vanificare alcuni dei progressi fatti nel contrasto alle pratiche dannose.

Advertisement

 

Cosa fare per porre fine alle Mutilazioni Genitali Femminili? Come realizzare un cambiamento effettivo? Come promuovere l’uguaglianza di genere?

 

“Lavorare sulle disuguaglianze nei rapporti tra i generi, al fine di trasformare le nostre società e renderle più eque e giuste è fondamentale” spiega Clara Caldera, coordinatrice dei progetti Aidos sulle patiche dannose. “Come ogni altra forma di violenza di genere, le MGF sono strettamente legate alle relazioni di potere tra uomini e donne. Per porre fine alla pratica è indispensabile lavorare sulle sue cause profonde e quindi rimettere in discussione i ruoli di genere. Questo vuol dire  informare e sensibilizzare le comunità e coinvolgere uomini e ragazzi, al fine di affrontare una mascolinità tossica e quelle norme sociali che perpetuano disuguaglianze e stereotipi di genere, favorendo al contempo l’empowerment di donne e ragazze”, conclude Caldera.

 

Per questo Aidos lancia il suo video sull’approccio trasformativo di genere, per informare ma anche per mettere a disposizione e diffondere uno strumento utile di informazione, formazione e sensibilizzazione per chi lavora sulle MGF, per le donne, le attiviste, le comunità coinvolte e per coloro che lavorano al raggiungimento dell’uguaglianza di genere.

 

 

 

 

Il video è stato prodotto nell’ambito del progetto “Approcci trasformativi di genere per porre fine alle mutilazioni genitali femminili”; con il sostegno finanziario del programma congiunto UNFPA-UNICEF per l’eliminazione delle mutilazioni genitali femminili e Spotlight Initiative per eliminare la violenza contro donne e ragazze.

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedente𝐀𝐫𝐫𝐞𝐬𝐭𝐨 𝐝𝐞𝐥 𝐥𝐚𝐭𝐢𝐭𝐚𝐧𝐭𝐞 𝐌𝐚𝐭𝐭𝐞𝐨 𝐌𝐞𝐬𝐬𝐢𝐧𝐚 𝐃𝐞𝐧𝐚𝐫𝐨. 𝐈𝐥 𝐒𝐢𝐧𝐝𝐚𝐜𝐨 𝐉𝐰𝐚𝐧 𝐂𝐨𝐬𝐭𝐚𝐧𝐭𝐢𝐧𝐢 𝐞𝐬𝐩𝐫𝐢𝐦𝐞 𝐚𝐢 𝐯𝐞𝐫𝐭𝐢𝐜𝐢   𝐥𝐨𝐜𝐚𝐥𝐢 𝐝𝐞𝐥𝐥’ 𝐀𝐫𝐦𝐚 𝐝𝐞𝐢 𝐂𝐚𝐫𝐚𝐛𝐢𝐧𝐢𝐞𝐫𝐢 𝐢𝐥 𝐩𝐥𝐚𝐮𝐬𝐨 𝐞𝐝 𝐢𝐥 𝐫𝐢𝐧𝐠𝐫𝐚𝐳𝐢𝐚𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐂𝐢𝐭𝐭𝐚̀ 𝐝𝐢 𝐆𝐢𝐮𝐥𝐢𝐚𝐧𝐨𝐯𝐚.
Articolo successivoLa pagina del Gennaio nero dell’Azerbaigian

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui