Advertisement

Sanità, Tavernise (M5S): “La cefalea sia inserita tra i Lea”

Il capogruppo M5S in consiglio regionale ha depositato nella giornata di ieri  una mozione per sollecitare la giunta regionale all’adozione  dei necessari provvedimenti, riconoscenti la cefalea tra i Livelli Essenziali di Assistenza

Advertisement

CORIGLIANO ROSSANO, 20 GEN. 2023 – È stata depositata nella giornata di ieri, presso il Consiglio regionale della Calabria, la mozione a firma Davide Tavernise, capogruppo M5S, perché la giunta regionale adotti ogni provvedimento necessario affinché la cefalea cronica sia inserita nei livelli essenziali di assistenza.

“La giunta regionale – rimarca Tavernise nella mozione – solleciti il Governo all’emanazione del decreto di cui alla l. 81/2020; promuova l’inserimento dello psicologo presso i centri regionali di cura e diagnosi delle cefalee; promuova la formazione di gruppi di auto mutuo aiuto; favorisca la formazione, e l’aggiornamento sulle cefalee, dei medici di medicina generale e dei pediatri, e la conoscenza di tale patologia presso le scuole”.

“La legge 14 luglio 2020, n. 81 – va avanti Tavernise – riconosce l’emicrania e la cefalea come patologie sociali invalidanti, rinviando, a un decreto ministeriale, l’individuazione di progetti  finalizzati   a   sperimentare   metodi innovativi di presa in carico delle persone affette da cefalea, nonché i criteri e le modalità, con cui  le regioni attuano i medesimi progetti. Tuttavia, ad oggi, il decreto attuativo non è stato emanato”.

“Eppure – conclude Tavernise – la cefalea è la patologia neurologica più diffusa nel mondo. Una malattia estremamente invalidante, tanto da essere inserita dall’OMS tra le patologie con massima disabilità. Anche in considerazione del fatto, che essa si manifesta prevalentemente nel periodo più produttivo della vita di una persona. Il dolore rende difficoltoso svolgere anche le più semplici attività quotidiane. Al momento in Italia esistono centri di terzo livello specializzati nel trattamento dell’emicrania. Però non sempre è agevole raggiungerli, tanto a causa del ritardo informativo, che esiste rispetto a questa patologia, tanto a causa dell’autogestione della malattia da parte del paziente, che spesso assume autonomamente farmaci da banco o si rivolge allo specialista sbagliato, affrontando esami e visite inappropriate che ritardano la corretta diagnosi”.

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteI VINI GIUSTI PER FESTEGGIARE IL CAPODANNO CINESE? DUE ROSSI E UN BIANCO MONTEVERRO IN ABBINAMENTO AI PIATTI DELLA TRADIZIONE
Articolo successivoA proposito del libro di Flaminia Arcuri, “All’alba della storia: il Cilento. Ricerche, popoli, ambiente e territorio dal Neolitico all’età del Ferro”, Licosia, 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui