Advertisement

“The Jazz Side of Flamenco” domenica 6 agosto

al Castello Sforzesco di Milano

Advertisement

 

 

Il meglio della nuova scena iberica, tra flamenco, jazz e folklore catalano, farà tappa a Milano
per un imperdibile appuntamento organizzato nell’ambito del festival Suoni Mobili: sul palco del Cortile
delle Armi si esibiranno il trio del jazzista Marco Mezquida, il quintetto Los Aurora e i Libérica,
il muovo gruppo del contrabbassista Manel Fortià 

 

 

MILANO – Fa tappa al Castello Sforzesco di Milano la carovana di “Suoni Mobili”, il festival musicale organizzato da Musicamorfosi e promosso dal Consorzio Brianteo Villa Greppi, giunto alla XIV edizione: domenica 6 agosto (ore 21; ingresso libero con libera donazione; prenotazione obbligatoria su www.mailticket.it/manifestazione/IV36/the-jazz-side-of-flamenco), il Cortile delle Armi ospiterà l’evento intitolato “The Jazz Side of Flamenco”, che vedrà protagoniste tre formazioni in arrivo da Barcellona. Sul palco, in un cocktail irresistibile di folklore catalano, flamenco e jazz, si alterneranno il quintetto Los Aurora; il trio del pianista e compositore jazz Marco Mezquida, stella di prima grandezza della scena europea; infine i Libérica, il nuovo quartetto di Manel Fortià.

Il concerto, realizzato con il contributo dell’Institut Ramon Llull, è uno degli appuntamenti di “Milano la città che sale – Nuovi Rituali Urbani” nell’ambito del bando “Milano è viva nelle periferie”.

I Los Aurora sono un gruppo di flamenco-jazz che ha portato una boccata d’aria fresca nel flamenco, contaminandolo con altri linguaggi e riscuotendo da subito il consenso della critica e il successo del pubblico. Nell’ultimo album (“La Balsa de la Medusa”, uscito l’anno scorso), il sound della band, composta da Pere Martínez (voce), Max Villavecchia (pianoforte), Javi Garrabella (basso), Joan Carles Marí (percussioni) e Pol Jiménez (danza), è diventato più elettrico, energico e trasgressivo, avvicinandosi al rock, anche se i riferimenti classici sono sempre presenti.

Considerato uno dei più brillanti musicisti della sua generazione, Marco Mezquida è un pianista e compositore catalano che da sempre forgia musica classica e modern jazz con sorprendente naturalezza. A Milano presenterà “Letter to Milos”, il suo ultimo album, uscito nel 2022 e composto nel primo anno di vita del figlio: in questo lavoro si ritrovano i generi e le influenze in cui l’autore si è immerso nel recente passato, dal latin jazz alla samba brasiliana, dal Romanticismo dell’amato Brahms ai suoni cubani fino alle musiche tradizionali della sua terra (corrido maragato, ajechao, sorteao e bulería). “Letter to Milos” riunisce il trio con cui Mezquida ha registrato i precedenti “Ravel’s Dreams” e “Talismà”: il catalano Aleix Tobias alle percussioni e il cubano Martín Meléndez al violoncello.

Infine, sarà la volta dei Libérica, il nuovo quartetto del formidabile contrabbassista Manel Fortià, dotato di senso melodico, precisione ritmica e creatività non comuni, che mescola jazz, flamenco e folklore iberico e che vede coprotagonista il sax e la voce di Eva Fernandez, giovanissima stella catalana cresciuta nell’Orchestra di Joan Chomorro. Dopo un intenso soggiorno a New York, durante il quale ha collaborato con jazzisti del calibro di Dave Liebman, Eliot Zigmund, Ari Hoenig e Chris Cheek, Fortià è tornato in Spagna e ha dato vita a questo gruppo, immergendosi nel grande repertorio della musica tradizionale catalana e rinnovandola nel segno del sincretismo e del multiculturalismo. Insieme a lui si esibiranno Pere Martínez (voce), Max Villavecchia (pianoforte), il francese Raphaël Pannier (batteria) e, come special guest, la già citata Eva Fernandez.

 

Qui il calendario completo della XIV edizione di Suoni Mobili: suonimobili.it

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteRASPELLI al Vip Master di Tennis di Milano Marittima: pregi e difetti( ma OK al Rapatennis)
Articolo successivoCASO ORLANDI, PIETRO ORLANDI (FRATELLO DI EMANUELA): “NESSUNA FIDUCIA NELLE PROCURE DI ROMA E VATICANA RIGUARDO LA SCOMPARSA DI MIA SORELLA EMANUELA”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui