Advertisement

Nuovo allarme nel Tarantino: «i canali sono a secco, la Basilicata smetta di giocare con la dignità degli agricoltori pugliesi!»

 

Advertisement

Taranto. «Lo sforzo comune e l’impegno concreto di tutti gli attori coinvolti nella vicenda sono stati vanificati nel giro di poche ore perché oggi, nel territorio di Ginosa, Castellaneta e Palagianello, il livello idrico del canale adduttore, che per 35km trasporta l’acqua dalla diga di San Giuliano a Palagianello, rasenta la secca».

Lo ha dichiarato, esprimendo forte preoccupazione, il direttore dell’Area Due Mari della CIA Vito Rubino, rendendo noto che il consorzio di bonifica della Basilicata, con una nota inviata ieri ai colleghi della Puglia, ha informato che, a causa di una grossa perdita in via di riparazione, si è reso necessario interrompere temporaneamente l’erogazione idrica nell’adduttore Bradano.

«I guasti possono verificarsi – ha chiarito Rubino – ma non possiamo negare che questo accade puntualmente ogni anno in un periodo delicato come questo, caratterizzato dall’aumento delle temperature. Non giriamoci intorno: queste sono manovre a cui assistiamo inermi da troppo tempo e che si accentuano nel fine settimana quando la portata d’acqua, probabilmente per favorire il rimpinguamento delle vasche della Lucania a discapito della Puglia, viene inesorabilmente ridotta. Nei giorni scorsi, infatti, nonostante la richiesta della Puglia di ricevere 800 litri al secondo, le portate sono variate da 320 a un massimo di 750 litri al secondo e solo per poche ore».

Richieste disattese, quindi, nonostante un’azione di pressing costante della CIA, negli anni e a tutti i livelli di interlocuzione: Prefetture, Regioni e assessorati, consorzi di bonifica e sindaci.

CIA area Due Mari, dando comunque merito per il cambio di passo riscontrato con l’avvento del neo commissario del consorzio di bonifica pugliese Francesco Ferraro, attribuisce chiaramente le responsabilità a chi nel tempo si è succeduto ai vertici del Consorzio di Bonifica Stornara e Tara: «Negli ultimi 10 anni – l’amara riflessione di Rubino – si è preferito dedicarsi ad altro anziché interloquire proficuamente con la vicina Basilicata per programmare l’utilizzo delle risorse idriche disponibili e onorare i relativi impegni economici (circa 400 mila euro l’anno come costo fisso per la manutenzione della diga di San Giuliano). Ricordiamo che la Puglia, dal lontano 1958, è comproprietaria al 50% con la Lucania della gestione dell’acqua della diga di San Giuliano. La Basilicata nel corso degli anni ha ammodernato il proprio sistema di attingimento idrico dalla diga di San Giuliano realizzando ben sei punti di prelievo a monte della deviazione di San Marco (unico punto di prelievo della Puglia e dove dovrebbe avvenire la suddivisione al 50% dell’acqua tra le due regioni), scaricando di fatto soltanto sulla Puglia, che invece non ha mai ammodernato le sue infrastrutture risalenti agli anni ‘50 tutte le criticità della carenza idrica. Pertanto, chiediamo a gran voce il rispetto degli accordi originari tra le due regioni: la Basilicata la smetta di ricoprire il ruolo predominante, erogando in Puglia con il contagocce e  soltanto dopo aver soddisfatto le proprie esigenze. La dirigenza dell’attuale struttura tecnica dell’ex consorzio di bonifica Stornara e Tara si svegli immediatamente dal torpore e dal più totale immobilismo prima che sia troppo tardi e che gli agricoltori, esasperati, si mobilitino autonomamente scendendo in strada: salviamo la stagione irrigua nel Tarantino per salvare le nostre colture di pregio, il reddito degli agricoltori pugliesi e i posti di lavoro».

Franco Gigante

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteG7: Save the Children, agire ora per la difesa dei diritti dei bambini
Articolo successivo“Al centro del mio cuore” è il nuovo inedito di Franco Tortora

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui