Advertisement

Giornata intensa quella del terzo giorno del NaNo Film Festival che assume tutti i connotati della favola.

 

Advertisement

Si è respirata magia ieri tra i corridoi del Teatro Area Nord, un incantesimo che ha stampato felicità e sorrisi sulle bocche di tutti quello che vi hanno preso parte.

 

La partenza è stata subito sprint con l’arrivo delle personalità di spicco della giuria di qualità che hanno portato il livello della manifestazione a vette incredibili. La partecipazione di Lello Serao, Angelo Orlando, Aitor Arenas Suso, Brando Improta, Nunzia Schiano, Fernanda Pinto, Mariacarla Norall, Fabio Santoro, Roberta Bertini, Velia Bonaffini, Giuseppe Tedesco e Claudia Marchiori non si è limitata soltanto al loro ruolo di giurati ed esperti di cinematografia, ma per tutta la durata dell’evento hanno interagito con tutti coloro che vi hanno preso parte: dagli scrittori del salotto letterario, passando per gli addetti ai lavori e arrivando a tutti gli appassionati della Settima arte che hanno partecipato ai ricchi eventi in programma ieri.

 

Nella sala teatro si è dato ampio spazio al cinema e a dei talk di grande interesse.

 

Le attività sono iniziate con la visione privata dei corti in gara da parte della Giuria di qualità e sono proseguite con tre eventi che hanno richiamato l’attenzione dei cineamatori presenti oltre che di molti addetti ai lavori.

 

Si è partiti con la Tavola Rotonda “Donne al cinema” nella quale hanno dialogato Sabrina Varani, Mariacarla Norall, Miriam Candurro e Gelsomina Prositto.

 

Dopo l’evento tutto al femminile c’è stato il Focus Spagna con Aitor Arenas Suso, il Direttore Artistico del Festival “Humor en Corto” che ha parlato insieme a Gastòn Haag (autore di uno dei corti portati in analisi) dell’evoluzione della commedia nel Cinema d’oggi, con il patrocinio morale dell’Istituto Cervantes Napoli. Sono quindi stati proiettati i corti: El Tratamiento, Loop, Nada de Nada, Éramos pocos, Las visitantes, 7:35 de la mañana.

 

Ultimo incontro è stato quello di Cinema, Web & New Media, moderato da Francesco Della Calce e con la partecipazione di Fabio Santoro, Fernanda Pinto, Roberta Bertini, Velia Bonaffini in cui si è discusso dell’impatto di Social Network e A.I. nel Cinema del futuro.

 

Il cinema al centro, ma non solo, si è parlato di narrativa, storie, poesia, attualità e tanto altro, il tutto con dei continui scambi osmotici di idee e passioni.

 

Ricco il programma del salottino letterario che ha aperto le danze con Miriam Candurro e il suo libro La settima stanza. Nel dialogo con Dave Given l’amatissima attrice ha dimostrato anche nei panni di scrittrice la sua solita autenticità, la gentilezza, la professionalità e soprattutto uno sconfinato amore per tutto quello che concerne l’arte di regalare storie.

 

Di seguito il poeta Salvatore Cantone ci ha portato con i versi della sua silloge Morire d’Amore in un metaforico viaggio nell’animo umano.

 

Le presentazioni sono proseguite con Clementina romanzo d’esordio di Marinella Sorrentino, una storia vera che riesce a essere contemporaneamente storica e attuale e che ci porta a riflettere – tra le varie cose – sulla figura della donna tra passato, presente e futuro.

 

Sempre nel salottino si è dato poi spazio all’attualità: Gelsomina Prositto e Dave Given hanno moderato l’incontro dal titolo“Ecosostenibilità” con la partecipazione delle associazioni Voglio un mondo pulito, Tuenda Flegrea e N’Sea Yet.

 

Antonia Pacelli e Dario Catania hanno portato alla luce le loro attività in difesa del territorio nell’ottica della sensibilizzazione di comportamenti da adottare per avere un mondo più sostenibile.

 

Alle ore 19:30 il salottino chiude la tre giorni dedicata alla letteratura con la presentazione del libro Un cuore nel sogno di Dave Given, condotto da Brando Improta e con l’intervento eccezionale di Angelo Orlando.

 

La serata si è conclusa per tutti con l’incantesimo della voce di Giuseppe Madonna che nella sua sessione live ha cantato, tra i vari pezzi, i brani della colonna sono di A dark tale film del regista Vincenzo Lamagna.

 

Intanto in sala cinema il documentario “Lux Santa” di Matteo Russo ha chiuso in bellezza la terza giornata di Festival: l’esperienza documentaristica dell’autore ha interessato il pubblico creando un interessante dibattito alla fine della visione.

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteCanottaggio – Poznan. L’Italremo vince un argento in Coppa con Giacomo Perini
Articolo successivoAssociazione Lucchesi nel Mondo gli eventi di luglio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui