Advertisement

FOTO © Archivio fotografico del Sacro Convento di S. Francesco in Assisi, Italia
U.
un canto

di Alessandro Sciarroni

Advertisement

 

Sette performer, dieci canti corali di montagna del secolo scorso

per il nuovo progetto dell’artista e coreografo

che indaga la relazione tra l’essere umano e la natura

 

PRIMA ASSOLUTA | mercoledì 24 luglio 2024, ore 21.00

FESTIVAL Bolzano Danza 2024

Casa della Cultura | Haus der Kultur

Via Sciliar, 1 – Bolzano

 

26 luglio 2024 – BASSANO; 15 settembre 2024 – TORINO;

28 settembre 2024 – CIVITANOVA MARCHE;

3 novembre 2024 – REGGIO EMILIA; 5-8 novembre 2024 – PARIGI;

9 novembre 2024 – NANTERRE; 22-24 novembre 2024 – MILANO;

30 novembre 2024 – TREMBLAY; 30-31 gennaio 2025 BONN;

7 febbraio 2025 – BELLINZONA

 

www.alessandrosciarroni.it

Con un repertorio di canti corali italiani di montagna, composti tra la metà del Novecento e i giorni nostri, e un gruppo particolare di interpreti, scelti con un accurato processo di ricerca e selezione, mercoledì 24 luglio l’artista e coreografo Alessandro Sciarroni (San Benedetto del Tronto – AP, 1976) presenta in prima assoluta il suo nuovo progetto, U. un canto, concerto/performance realizzato con la direzione musicale di Aurora Bauzà e Pere Jou e l’assistenza drammaturgica di Elena Giannotti. La pièce andrà in scena in prima assoluta il 24 luglio alla 40esima edizione del Festival Bolzano Danza (12-27 luglio 2024), organizzato dalla Fondazione Haydn con la Direzione Artistica di Emanuele Masi.

 

U. un canto, che vede protagonista un coro composto da Raissa Avilés, Alessandro Bandini, Margherita D’Adamo, Nicola Fadda, Diego Finazzi, Lucia Limonta e Annapaola Trevenzuoli – cantanti dalla formazione ed esperienze vocali molto diversificate – nasce da una ricerca realizzata per la Fondazione Cartier che, a novembre 2022, invitò Sciarroni e il musicista francese Alexis Paul a co-curare una delle sue Soirées Nomades. In quell’occasione formazioni corali e solisti erano stati invitati a eseguire a cappella il proprio repertorio alla Triennale di Milano.

 

Rimasto particolarmente impressionato dai canti dei due gruppi italiani – il coro maschile Voci dalla Rocca e quello misto dei giovanissimi Piccoli Cantori della Brianza – Sciarroni, grazie a queste formazioni, scopre il repertorio che comporrà l’ossatura drammaturgica e musicale di U.

A colpire l’artista sono, in particolare, i testi delle composizioni, dedicati alla relazione tra essere umano e Natura, alle stagioni che scandiscono il tempo, al lavoro nei campi, alla relazione tra umano e divino: canti che hanno a che fare con valori come pietà, compassione, perdono, tolleranza, sopportazione raccontano l’accettazione dei limiti rispetto al mistero dell’esistenza, della fragilità e transitorietà della vita e del privilegio di poterla vivere.

 

La drammaturgia musicale di U. un canto si articola intorno a canti composti tra il 1968 e il 2019 da Renzo Bertoldo, Piercarlo Gatti, Bepi de Marzi, Angelo Mazza e Giorgio Susana: un repertorio che affonda le radici nel secolo scorso e si dirama fino ai giorni nostri, tra musiche storiche e sperimentali.

Gli interpreti del concerto eseguono i canti uno dopo l’altro, alternando scritture originali a profondi e lunghi silenzi, avanzando, nel corso della performance, dal fondo dello spazio scenico verso il pubblico, spostandosi lentamente e incessantemente all’unisono.

 

La forza dei contenuti dei canti che compongono U. un canto sottolinea quanto sia ancora straordinariamente viva questa tradizione, la cui memoria viene riconsegnata agli spettatori dall’avanzare progressivo dei cantanti, mentre i lunghi silenzi e il senso di vuoto tra un brano e l’altro, ricordano ciò che abbiamo perso in tutti questi anni.

Dopo la prima assoluta al Festival Bolzano Danza il 24 luglio:
26 luglio 2024 – BASSANO Opera Estate

15 settembre 2024 – TORINO Torino Danza
28 settembre 2024 – CIVITANOVA MARCHE Civitanova Danza
3 novembre 2024 – REGGIO EMILIA Festival Aperto
5-8 novembre 2024 – PARIS Le 104, Festival d’Automne à Paris

9 novembre 2024 – NANTERRE Maison de la musique, Festival d’Automne à Paris
22-24 novembre 2024 – MILANO Triennale Milano
30 novembre 2024 – TREMBLAY Théâtre Louis Aragon, Festival d’Automne à Paris
30-31 gennaio 2025 BONN
7 febbraio 2025 – BELLINZONA Teatro Sociale di Bellinzona

U.
un canto

di Alessandro Sciarroni

con Raissa Avilés, Alessandro Bandini, Margherita D’Adamo, Nicola Fadda, Diego Finazzi, Lucia Limonta, Annapaola Trevenzuoli
casting, direzione musicale, training vocale: Aurora Bauzà & Pere Jou
casting, consulenza drammaturgica, training fisico: Elena Giannotti
styling: Ettore Lombardi
disegno luci e cura tecnica: Valeria Foti
cura, consiglio e sviluppo:  Lisa Gilardino
amministrazione e produzione esecutiva: Chiara Fava
casting, relazioni stampa e comunicazione: Pierpaolo Ferlaino
social media: Giulia Traversi

Produzione: Corpoceleste_C.C.00#, MARCHE TEATRO Teatro di Rilevante Interesse Culturale – coproduzione Progetto RING (Festival Aperto – Fondazione I Teatri Reggio Emilia, Bolzano Danza – Fondazione Haydn, FOG Triennale Milano Performing Arts, Torinodanza Festival, Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale), CENTQUATRE – PARIS, Festival D’Automne à Paris, Snaporazverein, Maison de la Musique de Nanterre e partner in via di definizione – in collaborazione con Centro per la Scena Contemporanea di Bassano del Grappa. Col supporto di Dance Reflections by Van Cleef & Arpels.

 

Alessandro Sciarroni è artista associato del CENTQUATRE–PARIS e di Triennale Milano Teatro 2022-2024.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteSudan: Save the Children, oltre 1.500 bambini hanno subito gravi violazioni nel 2023
Articolo successivoSAN GIORGIO FESTIVAL: dal 29 giugno al 6 luglio alla Caserma Valfré di ALESSANDRIA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui