Advertisement

 

Sono oltre 160 gli scienziati che hanno aderito all’iniziativa.

Advertisement

Sono oltre 160 gli scienziati che hanno aderito alla Maratona accademica per salvare Ahmadreza Djalali. Si collegheranno mercoledì 9 dicembre a partire dalle ore 15 per una diretta streaming che durerà 24 ore, forse anche di più, sul canale YouTube dell’Università del Piemonte Orientale.

Tra loro ci sono i rettori dove Ahmadreza ha svolto attività di ricerca, Gian Carlo Avanzi (UPO) e Ole Petter Ottersen (Karolinska Institutet, Stoccolma), oltre a un delegato della Vrije Universiteit Brussel. Spicca tra tutti l’intervento di Sir Richard Roberts, premio Nobel per la Medicina 1993, che per Ahmad ha raccolto più di 150 firme di altrettanti Nobel per chiederne la liberazione.

Tutti gli altri provengono da ogni parte del mondo: Italia, Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Colombia, Etiopia, Francia, Grecia, India, Irlanda, Israele, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Sri Lanka, Sudafrica, Svezia, Svizzera e USA.

Ahmadreza Djalali è detenuto nel braccio della morte del carcere di Evin, Iran, accusato di spionaggio e colpito da condanna a morte, che l’intera comunità mondiale ritiene ingiusta per mancanza di prove certe. L’Università del Piemonte Orientale si batte per Ahmad dal 2016 e continuerà a farlo fino alla sua liberazione.

Link a YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCBPWtp2U_5-qwuAW9XmY3eA

  • segue

More than 160 scientists have joined the Academic Marathon to save Ahmadreza Djalali. They will connect on Wednesday 9 December starting at 3 pm CET for a live streaming that will last 24 hours, maybe even longer, on the YouTube channel of the Università del Piemonte Orientale.

Among them are the rectors where Ahmadreza carried out research activities, Gian Carlo Avanzi (UPO) and Ole Petter Ottersen (Karolinska Institutet, Stockholm), as well as a delegate from the Vrije Universiteit Brussel. The speech of Sir Richard Roberts, Nobel Prize for Medicine 1993, stands out among all. He collected more than 150 signatures of Nobel Prize winners to ask for Ahmad’s release.

All the others come from all over the world: Italy, Argentina, Australia, Belgium, Brazil, Canada, Colombia, Ethiopia, France, Greece, India, Ireland, Israel, Netherlands, New Zealand, Norway, Portugal, South Africa, Spain, Sri Lanka, Sweden, Switzerland, United Kingdom and the USA.

Ahmadreza Djalali is being jailed on death row at Evin prison, Iran, accused of espionage and subjected to a death sentence, which the entire world community considers unfair due to lack of material evidence. The Università del Piemonte Orientale has been fighting for Ahmad since 2016 and will continue to do so until his release.

YT link for the Marathon: https://www.youtube.com/channel/UCBPWtp2U_5-qwuAW9XmY3eA

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteUFFICI GIUDIZIARI: 09 DICEMBRE 2020 SCIOPERO DIPENDENTI PUBBLICI INFO N°175
Articolo successivoMes, l’appello di Attiva Sicilia: “Va ripensato radicalmente per dare risposte ai cittadini”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui