Advertisement

Roma, 1 feb. – “Condanniamo fermamente il colpo di Stato in Birmania. Un Paese che stava attraversando un difficile ma chiaro percorso di transizione democratica. E che, con gli ultimi accadimenti, rischia di precipitare nuovamente in una condizione di limitazione dei diritti e privazione delle libertà personali. La via militare non è la soluzione alle instabilità interne. Per questo, l’auspicio è che vengano rispettati i risultati democratici delle ultime elezioni e si liberino il premio Nobel Aung San Suu Kyi e gli altri esponenti del governo in Myanmar”. Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente della commissione Esteri.

Roma, 1 feb. – “Condanniamo fermamente il colpo di Stato in Birmania. Un Paese che stava attraversando un difficile ma chiaro percorso di transizione democratica. E che, con gli ultimi accadimenti, rischia di precipitare nuovamente in una condizione di limitazione dei diritti e privazione delle libertà personali. La via militare non è la soluzione alle instabilità interne. Per questo, l’auspicio è che vengano rispettati i risultati democratici delle ultime elezioni e si liberino il premio Nobel Aung San Suu Kyi e gli altri esponenti del governo in Myanmar”. Lo dichiara la senatrice Laura Garavini, Vicepresidente della commissione Esteri.

Advertisement

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteTurismo, indagine Otex su Milano: “Nel 2020 bruciati 112 milioni di fatturato nell’extralberghiero”
Articolo successivoL’introduzione di un euro digitale. Presupposti e considerazioni di Claudio Nassisi, socio Aidr

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui