Advertisement

EMERGENCY | AFGHANISTAN

 

Advertisement

A SEGUITO DEL TERREMOTO DELLA SCORSA NOTTE
INVIATE SUL POSTO 7 AMBULANZE DI EMERGENCY PER IL TRASPORTO DEI FERITI

 

“STIAMO RICEVENDO FERITI NEI NOSTRI POSTI DI PRIMO SOCCORSO

DI GHAZNI E ANDAR. UN’ALTRA TRAGEDIA CHE SI AGGIUNGE ALLA CRISI UMANITARIA GIÀ DRAMMATICA DEL PAESE”

 

EMERGENCY è attiva nella risposta sanitaria a seguito del terremoto che ha colpito l’area sudest dell’Afghanistan la scorsa notte provocando centinaia di morti e feriti che aumentano ora dopo ora.

 

Abbiamo inviato sette ambulanze e staff nelle zone più vicine al terremoto per supportare i soccorsi in loco e trasportare i feriti nei nostri centri di primo soccorso adiacenti alla zona colpita, in particolare nei distretti di Ghazni e Andar nella provincia di Paktika dove il terremoto ha provocato il maggior numero di vittime.  – spiega Stefano SozzaCountry Director di EMERGENCY in Afghanistan -. Il timore è che le vittime possano aumentare ancora, perché molte persone potrebbero essere rimaste bloccate sotto gli edifici crollati. Daremo nuovi aggiornamenti quanto prima, perché i numeri sono in crescendo.”

 

La scossa di magnitudo 5.9, avvenuta attorno alle 23 (ora italiana), è stata avvertita nel raggio di 500 km dall’epicentro fino in Pakistan e in India e ha provocato feriti, morti e distruzione nei distretti di Barmal, Zirok, Nika e Giyan della provincia di Paktika. Ad ora si accertano più di 900 morti e oltre 600 feriti.

 

Siamo stati chiamati questa mattina per un vertice d’emergenza insieme alle altre organizzazioni umanitarie presenti nel territorio – prosegue Sozza. – Questa ennesima tragedia non fa che peggiorare ancora una volta la condizione di fragilità e difficoltà economica e sociale in cui da mesi versa l’Afghanistan. Ora si renderà ancor più necessario sbloccare e aumentare tutti gli aiuti umanitari necessari al Paese”.

 

EMERGENCY è presente in Afghanistan dal 1999 con due Centri chirurgici a Kabul e Lashkar-gah, un Centro chirurgico e pediatrico e un Centro di maternità ad Anabah, nella Valle del Panshir, e una rete di 44 Posti di primo soccorso. Nel 2021, gli ospedali di EMERGENCY hanno ricoverato 4.982 persone. 

Le attività di EMERGENCY in Afghanistan sono co-finanziate da ECHO, Direzione generale per la protezione civile e le operazioni di aiuto umanitario dell’Unione Europea. 

 

 

EMERGENCY ONG Onlus  

è un’organizzazione internazionale nata in Italia nel 1994 per offrire cure  

medico-chirurgiche alle vittime delle guerre, delle mine antiuomo e della povertà e, 

allo stesso tempo, per promuovere una cultura di pace, solidarietà e rispetto dei diritti umani.  

Tra il 1994 e il 2021 in tutte le strutture sanitarie di EMERGENCY sono state curate gratuitamente  

più di 12 milioni di persone. Una ogni minuto. 

 

Il lavoro di EMERGENCY è possibile grazie al contributo di privati cittadini, 

aziende, fondazioni, enti internazionali e alcuni dei governi dei Paesi 

dove lavoriamo, che hanno deciso di sostenere il nostro intervento. 

Per sostenere il lavoro di EMERGENCY e offrire cure gratuite e di qualità a chi ne ha bisogno:  

https://sostieni.emergency.it/ 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteIl nuovo progetto di ADI Design Museum e Prosecco DOC  BOTTIGLIA D’ECCEZIONE per il COMPASSO D’ORO   

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui