Advertisement

PAV – Parco Arte Vivente

presenta

Advertisement

 

Teatrum Botanicum 2022

16 – 17 settembre 2022

 

Lucilla Barchetta e Collettivo Epidemia, Eleonora

Luccarini, Martina Melilli, Giorgia Ohanesian Nardin, Prom, SØVN Records showcase: Sabiwa and Queimada

 

PAV – Parco Arte Vivente

via Giordano Bruno 31, 10134, Torino

www.parcoartevivente.it

 

Al termine dell’estate più calda delle nostre vite (o, per riprendere l’efficacissimo meme, l’estate più fresca del resto delle nostre vite), la quinta edizione del festival Teatrum Botanicum vuole riflettere sulla salute collettiva, individuale e ambientale, attraverso gli stimoli offerti da pratiche artistiche performative, sonore e teoriche che propongono letture critiche, strategie di sopravvivenza, strumenti di lotta, cura e supporto reciproco per affrontare le crisi ecologiche e sociali che attraversiamo.

Tornando ad aprire la programmazione autunnale del PAV dopo due anni di interruzione, l’edizione 2022 riflette in modo particolare proprio sulla necessità di pensare e ripensare i corpi – e le relazioni sociali tra i corpi – in ottica ecosistemica e transfemminista, problematizzando i confini della nozione convenzionale di salute.

 

PROGRAMMA DELLE GIORNATE

 

Venerdì 16 Settembre

19:30 Opening

20:15 Giorgia Ohanesian Nardin. I want to shake you off me | maybe this is my dancing

21:15 Eleonora Luccarini. Action, grace, resemblance

22:15 SØVN records showcase. Sabiwa and Queimada

 

Sabato 17 Settembre

17:00 Opening

Visita guidata della mostra On copper, wax, iron, wisteria and ice

18:00 Lucilla Barchetta e collettivo Epidemia. Armamentario etnografico per lo sfaldamento globale

19:30 Science without the Elephants. Incontro con l3 artist3

20:45 Prom. Once and for all

21:30 Martina Melilli. J’ai faim / Chiudi gli occhi

 

Food & Drink by Isola Torino

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteElezioni, Cia Puglia alla politica: «Tempo scaduto, agire ora o l’agricoltura muore»

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui