Home Esteri Iran: Condanna di sostenitori e familiari del Mojahedin del Popolo Iraniano (...

Iran: Condanna di sostenitori e familiari del Mojahedin del Popolo Iraniano ( MEK ) a lunghe pene detentive e privazione di cure mediche ai simpatizzanti del MEK

0
33

Iran: Condanna di sostenitori e familiari del Mojahedin del Popolo Iraniano ( MEK ) a lunghe pene detentive e privazione di cure mediche ai simpatizzanti del MEK

 

La magistratura del regime dei mullah ha condannato a cinque anni di carcere i prigionieri politici Zahra Safaei, 61 anni, sua figlia e suo figlio, Parastoo Moeini, 23 anni, e Mohammad Masoud Moeini, 24 anni, e Kamran Rezaei-Far, 58 anni. La magistratura del regime ha motivato queste condanne con conversazioni private, attività sui social network, collaborazione e comunicazione con il MEK, minaccia alla sicurezza nazionale e partecipazione ad attività contro il sistema, basandosi sui rapporti del Ministero dell’Intelligence, sulle deduzioni degli interrogatori e sulla persuasione del giudice.

Zahra Safaei ha scontato 8 anni di carcere per essere stata una sostenitrice del MEK negli anni Ottanta. Suo padre, Haj Hassan Ali Safaei, noto commerciante del bazar di Teheran e prigioniero politico durante il regno dello scià, fu giustiziato dal regime dei mullah nel 1981 per aver aiutato il MEK. Zahra Safaei è stata arrestata per la seconda volta nel marzo 2020 insieme a Parastoo Moeini, e sono state rilasciate nel febbraio 2023.

Kamran Rezaei-Far è stato arrestato nel gennaio 2020 con l’accusa di essere legato al MEK, rilasciato su cauzione e nuovamente arrestato nel giugno 2020. Nel settembre 2021 è stato condannato a morte.

Inoltre, questa mattina, 2 dicembre, il prigioniero politico Maysam Dehbanzadeh è stato trasferito nel carcere di Evin per scontare la sua pena. È stato condannato a sei anni di carcere, al divieto di residenza a Teheran e nelle province limitrofe e al divieto di lasciare il Paese con l’accusa di “riunione e cospirazione con l’intento di commettere un crimine contro la sicurezza nazionale” attraverso la comunicazione con l’organizzazione MEK.

D’altra parte, le condizioni fisiche di alcuni prigionieri politici, tra cui Assadollah Hadi, Mir Yousef Younesi e Ali Mo’ezi, sono state segnalate come critiche. Ali Mo’ezi, 70 anni, sostenitore del MEK, imprigionato per un totale di 15 anni dagli anni ’80, soffre attualmente di una grave artrite, di una grave idronefrosi e di pressione alta, ma non ha accesso a strutture mediche o a cure essenziali. Prima del suo ultimo arresto, avvenuto nell’ottobre 2022, è stato sottoposto a un intervento chirurgico per un cancro alla prostata e si stava riprendendo.

 

Assadollah Hadi, 66 anni, imprigionato per aver sostenuto il MEK negli anni ’80, 2000 e 2010, è stato arrestato e mandato nella prigione di Evin nell’ottobre 2022. Soffre di malattie cardiache e vascolari, problemi cerebrali e alla colonna vertebrale, ma è privato delle cure mediche necessarie. Nonostante sia stata emessa una sentenza di “incapacità di sopportare la pena”, i servizi segreti dei mullah ne impediscono il rilascio.

Mir Yousef Younesi, 70 anni, prigioniero politico degli anni ’80, arrestato nel gennaio 2023, soffre di malattie all’orecchio e all’addome ma non ha accesso alle strutture mediche. Ha trascorso 3 anni nelle carceri dello Shah e 9 anni negli anni Ottanta. Suo figlio, Ali Younesi, studente d’élite all’Università di Tecnologia di Sharif, è stato imprigionato a Evin negli ultimi 33 mesi.

La Resistenza iraniana chiede ancora una volta alle Nazioni Unite e ai Paesi membri di agire con urgenza per il rilascio dei prigionieri politici e sottolinea la necessità di una missione d’inchiesta internazionale che visiti le carceri iraniane e incontri i prigionieri, soprattutto quelli politici.

 

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy