Advertisement

Le ASSEMBLEE DI CITTADINI arrivano in ITALIA. M.Cappato e M.Santori (Sardine) fra i promotori di “Politici per Caso”. E lanciano un appello al Governo sul tema ambientale

LE ASSEMBLEE DEI CITTADINI ESTRATTI A SORTE ARRIVANO IN ITALIA 

MARCO CAPPATO, MATTIA SANTORI (SARDINE), MARIO STADERINI, INSIEME AD ALTRI GRUPPI LANCIANO “POLITICI PER CASO”

PRIMA AZIONE: APPELLO AL GOVERNO PER UN’ ASSEMBLEA SUL TEMA AMBIENTALE, SOSTENUTO DA SCIENZIATI COME IL METEREOLOGO LUCA MERCALLI: “SUL TEMA COINVOLGERE DIRETTAMENTE I CITTADINI ATTRAVERSO ASSEMBLEE ESTRATTE A SORTE”

 

L’attivista politico icona dei diritti civili, il leader delle Sardine, l’attivista e giurista che ha già fatto condannare l’Italia dall’Onu per violazione dei diritti politici, importano anche nel nostro paese uno strumento di democrazia già in voga in paesi come Canada, Australia, Giappone, Olanda, Regno Unito, Spagna, Belgio, Francia, Germania.

Advertisement

 

  • Presentazione ufficiale di Politici per caso Mercoledì ore 18, in diretta sulla pagina facebook ufficiale  https://www.facebook.com/politicipercaso/ con l’evento web Transizione Ecologica? Sentiamo i cittadini estratti a sorte!

 

 

Una selezione di cittadini estratti a sorte, e poi formati da esperti e professionisti per deliberare sui temi di interesse generale. All’estero è già una realtà dove i cittadini sono stati decisivi nell’approvazione di leggi come aborto (come in Irlanda nel 2018) o di provvedimenti per contrastare il cambiamento climatico (è questo il caso francese).

 

Con il sostegno internazionale del comitato promotore della Convention Citoyenne pour le Climat, la grande assemblea di cittadini estratti a sorte convocata da Macron in Francia per proporre misure contro il cambiamento climatico, e di scienziati del calibro di Luca Mercalli, presidente della Società Metereologica Italiana, da oggi Marco Cappato, Mattia Santori e Mario Staderini insieme ad altri gruppi come Democrazia Radicale, Eumans, Yezers, Oderal, Certi Diritti, gruppi locali di Extinction Rebellion, Diem 25, Certi Diritti proveranno a importare lo stesso strumento di democrazia anche in Italia. Si chiama “Comitato PoliticiPerCaso – Cittadini estratti a sorte e preparati per rispondere alle questioni che gli eletti da soli non risolvono”, verrà coordinato da Lorenzo Mineo, il ruolo di Tesoriere è affidato a Samuele Nannoni e si tratta di un modello già vincente in quanto le Assemblee rappresentano un’opportunità per affrontare quelle questioni che la logica maggioranza/opposizione, tipica delle assemblee elettive, non è in grado di risolvere, soprattutto su questioni urgenti come l’emergenza climatica.

Nel modello che si propone, le deliberazioni delle assemblee valgono come proposte di legge. Sarà poi il Parlamento a votarle, in uno schema che vede la democrazia deliberativa come un supporto complementare a quella rappresentativa, non un suo sostituto.

 

“Il Comitato PoliticiPerCaso chiede di istituzionalizzare in Italia le cosiddette Citizens’ Assembly: cittadini sorteggiati su base campionaria, che col supporto di esperti studiano, dibattono e decidono su questioni di interesse generale – dichiarano gli attivisti politici Marco Cappato e Mario Staderini -. Se questa prassi si è diffusa con successo in molti paesi, un motivo c’è: le elezioni sono sempre più basate sull’inseguimento del consenso a breve termine e la logica di contrapposizione. Chiamare i cittadini alle urne, a distanza di anni tra una tornata e l’altra, non basta più a farli sentire parte attiva di una comunità.

Per questo alcuni grandi temi che la politica elettorale non riesce ad affrontare, o perché non portano consenso nel breve termine (per esempio il cambiamento climatico), o perché ostaggio di opposti interessi di partito (per esempio la legge elettorale) possono trovare concrete proposte di riforma proprio attraverso le assemblee dei cittadini”.

 

“Dalla tassazione delle emissioni inquinanti alla transizione verso le energie rinnovabili, dal problema dei sussidi alle fonti fossili a quello degli allevamenti intensivi – aggiunge Mattia Santori, leader del movimento 6000 sardine –: tutti i grandi temi decisivi per lo sviluppo del Paese devono essere oggetto di un dibattito trasparente e approfondito nell’Assemblea dei Cittadini e delle Cittadine, per individuare quelle soluzioni che i partiti, in campagna elettorale permanente, non riescono più a dare. Per queste e molte altre sfide che il nostro Paese dovrà affrontare nei prossimi mesi e anni, con le Sardine aderiamo all’appello al Governo lanciato dal Comitato Politici Per Caso: è ora di adottare anche in Italia le Assemblee dei Cittadini e delle Cittadine”

 

In occasione della presentazione ufficiale alla stampa, il Comitato Politici per Caso lancerà una prima proposta di assemblea di cittadini, con conseguente raccolta firme, sulle emergenze climatiche e la transizione energetica per affrontare una questione quanto mai urgente, coinvolgendo direttamente coloro che subiranno le conseguenze del cambiamento rilevante del nostro modo di vivere che la scienza ci dice essere necessario.   Per firmare e tutte le info qui: https://www.politicipercaso.it/appello/

 

Hanno già aderito all’appello anche: Luca Mercalli (Presidente Società Meteorologica Italiana), Giulia Innocenzi (Giornalista, direttrice iene.it), Filomena Gallo (Segretario dell’Associazione Luca Coscioni).

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedentePuntata bomba di Report sugli chef stellati: ecco cosa si scopre sui famosi chef della tv
Articolo successivoSANREMO MAI VACCINATI?!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui