Advertisement

Un fitto calendario di appuntamenti culturali

e di intrattenimento per adulti e bambini.

Advertisement

Verso un nuovo futuro insieme, all’insegna

dell’amore fraterno sull’esempio di Gesù.

 

 

Via Monte Rosa 81, sabato 18 e domenica 19 Settembre, ore 10,30 -18.  Aperto a tutti (con green pass).

 

 

Iniziano sabato 18 Settembre le celebrazioni della novantesima edizione del Congressino missionario del PIME che culmina nella Santa Messa, domenica mattina alle 10,30, con la consegna del Crocifisso ai missionari e alle missionarie in partenza.

Quest’anno il Congressino, che è sempre aperto a tutti, coincide con l’importante anniversario dell’arrivo dei primi Padri, 170 anni fa, in Papua Nuova Guinea: il programma della festa di inizio anno è anche un tributo ai fondatori, alla loro avventura, al patrimonio storico che hanno costituito. Ma non solo: in occasione di questa ricorrenza, nel 2021 la Fondazione PIME ha lanciato la campagna “Sorella Papua Nuova Guinea” sia per raccogliere fondi per assicurare alla popolazione una possibilità di vita all’altezza della sacra dignità di ogni essere umano, grazie a progetti di contrasto al cambiamento climatico e per uno sviluppo sostenibile ed ecologico,  sia per informare il pubblico italiano sulle problematiche ambientali e sociali della Papua Nuova Guinea. Se ne è parlato in modo approfondito  sulla  rivista PIME ‘Mondo e Missione’, sono state organizzate esposizioni, visite guidate e attività nel Museo Popoli e Culture, incontri con studiosi e autori nella biblioteca e nella libreria; eventi, fiere, convegni, spettacoli teatrali e materiali multimediali a disposizione online e percorsi formativi nelle scuole, negli oratori e nella sedi del PIME in Italia.

Con il Congressino si celebrano  i valori fondanti dello spirito missionario fra cultura e intrattenimento, per una ripartenza insieme verso un nuovo futuro.

Da sabato 18 a domenica 19  Settembre si sussegue un tripudio di attività ispirate alle sfide e alle bellezze  della Papua Nuova Guinea: laboratorio per bambini,  visite guidate al Museo Popoli e Culture, l’itinerario interno di Public History,  l’estrazione della Lotteria, gli spettacoli realizzati dal Teatro PIME (rinnovato internamanete ed esternamente) e gli stand solidali nello splendido giardino del complesso, e altre novità.

Per quanto riguarda i progetti missionari ci saranno appositi punti informativi a cura degli uffici competenti: l’Area Progetti, l’Area Sostegno Missioni e Sostegno a distanza.

 

Ecco il programma  consultabile anche sul sito https//centroprime.org/eventi/congressino-2021-sorella-papua-nuova-guinea.

 

Sabato 18 settembre

 

H 15.00, Museo Popoli e Culture: Apertura della mostra “Kulabob, il fratello ritrovato di Papua. Trasformazioni ambientali e origini della civiltà nell’isola dei due oceani sulla Papua Nuova Guinea”. Visita guidata a partire dalle 15.

 

H 15.00, in giardino: Apertura degli stand solidali e dei laboratori per ragazzi, come la falegnameria dell’allegria, i workshop ispirati alla cultura papuana, il Museo Lab del Museo Popoli e Culture a tema.

 

H 16.00, partenza dal Museo Popoli e Culture. Evento itinerante di Public History: “Molto lontano, inaspettatamente vicino”. Seconda edizione. A cura di Marta Gara, vincitrice della Borsa di studio Piero Gheddo per l’anno 2020-2021, Storica, specializzata in storia americana e democrazia partecipativa, dottoranda in Istituzioni e Politiche all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Attraverso un percorso di ricerca interattivo e partecipato dal pubblico si scopriranno confini, identità e memorie, navigando tra il passato e il presente della Papua Nuova Guinea. Un invito alla lettura della storia del Paese in prospettiva globale e post-coloniale, alla ricerca di un significato condiviso di sostenibilità sociale.

È richiesta la prenotazione: https://centropime.org/eventi/molto-lontano-inaspettatamente-vicino-public-history-papua-congressino/

 

 

h 17.00-19.00, in giardino: Gran concerto con la Scuola di musica Cluster di Milano

 

Domenica 19 Settembre

 

H 9.00: Apertura

 

H 10.30, in giardino: S. Messa presieduta da mons. Giampietro Dal Toso, Segretario della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli e Presidente delle Pontificie Opere Missionarie; consegna del Crocefisso ai missionari in partenza

 

H 12.00, in Biblioteca: inaugurazione della nuova sala lettura e delle sale polivalenti, attrezzate per incontri, attività e proiezioni.

La storica Biblioteca del PIME accoglie oltre 43.000 volumi e una ricca collezione di riviste da tutto il mondo che parlano di missione, dialogo tra religioni, cultura, lingua e storia dei popoli extraeuropei. Cresce di pari passo con il PIME sin dalla fondazione dell’Istituto: gran parte del suo patrimonio librario proviene dai Paesi di missione e dalle raccolte dei vari missionari. È possibile trovare le prime edizioni di testi pubblicati da missionari e studiosi, i primi studi sistematici di lingue africane, asiatiche o sudamericane e testi in lingua originale difficilmente reperibile in altre biblioteche. Possiede circa 1400 volumi riguardanti la storia delle missioni, viaggi in Paesi inesplorati e descrizioni di popoli sconosciuti; testi di filosofia cinese ed orientale, agopuntura, medicine tradizionali orientali e un archivio fotografico che custodisce fotografie originali scattate dai missionari, dalla seconda metà dell’Ottocento ai nostri giorni.  Il catalogo: http://www.fondazionepime.com/DCSearch/ricerca/semplice/

Informazioni: https://centropime.org/biblioteca/

 

H 14.00, in giardino, Laboratori per ragazzi: falegnameria dell’allegria, workshop ispirati alla cultura papuana e Museum Summer Lab, laboratorio a tema dedicato ai bambini.

 

H 14.00 – 16.30, nel cortile, sul palcoscenico:  presentazione con animazione e testimonianze dei nuovi cammini missionari per i giovani messi a punto dopo la sospensione dei viaggi all’estero causa pandemia. Qui l’elenco dele proposte:  https://centropime.org/cammini/. Intervento di Marika Ciaccia, travel blogger e autrice del volume “La felicità ai miei piedi” (Edizioni Terra Santa).
La missione non è solo l’Africa, l’India o il Brasile. La missione è un atteggiamento di tutti i giorni, di ogni persona e in ogni momento.   

 

H 15.00, Museo Popoli e Culture: visita guidata alla mostra “Kulabob, il fratello ritrovato di Papua Nuova Guinea. Trasformazioni ambientali e origini della civiltà nell’isola dei due oceani”.

 

H 15.00, con partenza dal Museo, evento itinerante di Public History: “Molto lontano, inaspettatamente vicino” con la storica Marta Gara.

 

H16.00, Teatro PIME: l’Accademia Senza Frontiere  presenta il suo programma di corsi per il tempo libero: dalle materie umanistiche a quelle scientifiche, dalle lingue alla musica, dalla storia dell’arte ai laboratori di manualità, dal canto all’intrattenimento: oltre 40 docenti offrono il loro servizio gratuitamente per garantire a tutti una proposta di qualità per tutte le età. Con la quota di iscrizione di 220 € iva inclusa si ha accesso libero alla frequentazione di tutti i corsi e ad una scontistica per tutte le attività del Centro PIME, come la stagione teatrale, il Museo, il negozio e la nuova caffetteria. Ci si può iscrivere tramite il form online o, in alternativa, recandosi presso l’accoglienza del Centro PIME in via Monte Rosa 81. Il programma dei corsi:
https://centropime.org/wp-content/uploads/2021/07/ELENCO-CORSI-ASF-2021-2022-1.pdf Info: https://centropime.org/asf-iscrizioni-corsi/

 

H 16.30, Museo Popoli e Culture, visita guidata al Museo e alla mostra “Kulabob, il fratello ritrovato di Papua Nuova Guinea. Trasformazioni ambientali e origini della civiltà nell’isola dei due oceani”.

 

H17.00 Estrazione della Lotteria PIME

 

H 17.30, in giardino, sul palcoscenico esterno allestito per l’occasione, spettacolo di danza a cura del Balletto di Milano. L’esibizione dà seguito alla collaborazione artistica che arricchisce il cartellone del Teatro PIME con la qualità e l’eccellenza che da sempre contraddistinguono la compagnia diretta da Carlo Pesta. Presentazione della Stagione teatrale PIME 2021-2022.

 

Subito dopo: sul medesimo palcoscenico, in chiusura della manifestazione, presentazione della Stagione teatrale PIME 2021-2022. Da oltre cinquant’anni il Centro di cultura e animazione missionaria PIME si propone come un luogo di incontro, scambio, riflessione e progettualità in dialogo con la città e con il mondo, in uno spirito di annuncio e testimonianza del Vangelo, servizio ai poveri e dialogo con le culture. Il Teatro recentemente intitolato a P. Piero Gheddo, è una delle sue espressioni. Dopo 12 mesi di lavori e ammodernamenti, questo spazio continua a mettersi a servizio della missione e della città, utilizzando il linguaggio creativo dell’arte, della musica e del teatro per allargare gli orizzonti dello sguardo e del cuore, sostenendo anche l’opera dei missionari nel mondo. Saranno 8 gli spettacoli di teatro, musica e narrazione che metteranno tutti in viaggio prossimamente: artisti e spettatori.  (www.teatropime.it)

 

 

Per tutta la durata della manifestazione

Sarà possibile visitare il Museo Popoli e Culture:

– mostra dedicata alla Papua Nuova Guinea

– mostra su Charles De Foucauld (https://centropime.org/eventi/charles-de-foucauld-fratello-universale-mostra/)

 

-Inoltre, si potrà assistere  in streaming  nelle nuove sale lettura della Biblioteca alla proiezione dello spettacolo prodotto dal Teatro PIME in collaborazione con Realtà Debora Mancini “Oceania 1852” (trailer https://youtu.be/7K75GfOJJzM) che racconta la prima esperienza missionaria del PIME. E’ uno spettacolo narrativo musicale e teatrale, un recupero della memoria che affronta però anche le problematiche del nostro presente, raccontando di una terra al centro di problematiche mondiali: dall’innalzamento degli oceani, alla mancanza di disponibilità di acqua potabile per le popolazioni locali, al tentativo di realizzare le prime miniere sui fondali marini.

 

Per accedere all Congressino verrà richiesto il green pass all’ingresso.

 

 Nuovo Centro PIME

 

Il PIME è il più antico istituto missionario italiano. Nacque nel 1850 come seminario lombardo per le missioni estere. Nel 2019, si è provveduto alla dismissione del polo romano concentrando le attività a Milano  per una scelta di sobrietà e risparmio economico, al fine di dare più servizi. Il nuovo Cento PIME milanese, con ingresso in via Monterosa 81, oggi offre il teatro da 300 posti, una libreria, il Museo Popoli e Culture ristrutturato e dotato di tecnologia interattiva, una caffetteria culturale, uno Store per lo shopping  equo e solidale e dei prodotti delle cooperative sociali attive in Italia; la Biblioteca con il suo patrimonio di 43.000 volumi, una nutrita emeroteca, una sala lettura aperta alla cittadinanza con particolare attenzione ai giovani studenti;  una nuova sala polivalente e altri spazi per appuntamenti culturali e proposte per il tempo libero per tutte le età. Il PIME pubblica anche la rivista Mondo e Missione. L’Ufficio Educazione Mondialità del PIME organizza attività con i ragazzi delle scuole e degli oratori. Tutte le info sul sito www.pimemilano.com

 

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteBUILDING per miart 2021 | Il silenzio delle radici. L’opera di Remo Salvadori in dialogo con frammenti tessili antichi | Fieramilanocity, 17 – 19 settembre 2021
Articolo successivoMostra Ierofanie di Sergio Monari 26 settembre – 28 novembre 2021

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui