Advertisement

Domenica 4 settembre 2022, nel Parco nazionale dell’Aspromonte a Bova (capitale della lingua e cultura dei Greci di Calabria), organizzata dall’Associazione Apodiafazzi unitamente all’Istituto Fernando Santi (che dal 1970 è impegnata nel mondo dell’emigrazione italiana) si è svolta la cerimonia di premiazione della VI edizione del Premio culturale internazionale “G.Rohlfs – F.Mosino – A.Karanastasis”.

Advertisement

Il Premio è stato patrocinato dal Comune di Bova, dalla Città Metropolitana di Reggio Calabria, dall’Ente Parco Nazionale d’Aspromonte, dall’Ambasciata della Repubblica Ellenica e della Repubblica Federale di Germania a Roma, dalla Camera di Commercio Italo-Ellenica di Atene.

Quest’anno per la prima volta il Premio ha previsto una nuova sezione: “Il lavoro italiano in emigrazione”, vinta da “Pampa gringa, ferrocaril e pescadores, artistas: il grandioso lavoro degli italiani in Argentina” della giornalista pesarese Paola Cecchini.
‘La nuova sezione del premio – fino all’anno scorso riservato esclusivamente alla lingua, alla storia, alla cultura materiale e immateriale dei Greci di Calabria ed alla cultura Magnogreca– ha inteso premiare un’opera che della vicenda migratoria, recente e meno recente, ha colto il versante dell’esperienza del lavoro come questione centrale, attraverso la rappresentazione, in diverse forme, del lavoro e della condizione lavorativa nel contesto del paese di accoglienza e all’interno della comunità italiana’- hanno dichiarato gli organizzatori: Carmelo Nucera (presidente del Premio e dell’associazione ‘Apodiafazzi’) e Pierpaolo Cicalò (presidente dell’Istituto ‘Fernando Santi’).

 

I premiati delle altre sezioni sono i seguenti:
*Sezione Studi e ricerche: Avv. Marina Neri
Il tesoro degli abissi. Quando la Storia divenne Mito
“Archeo cena e Sympsoin in omaggio ai Bronzi di Riace”

 

*Sezione Narrativa
Maria Antonietta Sapone
Il coraggio si veste di bianco

 

*Sezione Saggistica (Studi etimologici, questione omerica)
Prof. Paolo Martino
Lessico storico ed etimologico del greco di Calabria
Prof. Giuseppe Mario Tripodi
Libri di Calabria e dintorni

 

*Sezione Tesi di Laurea
Elisabetta Nucera
Greci di Calabria. Genesi e sviluppo del movimento associazionistico 1984/1985
Relatore prof. Pasquale Amato – Università di Messina

Molti gli studiosi intervenuti, tra cui la prof.ssa Christina Petropoulu (docente di ‘Lingua, Memoria e identità nelle aree ellenofone del Meridione d’Italia’ presso l’Università di Scienze Politiche e Sociali ‘Panteion’ di Atene) e l’Ing.Franz Sepe (socio della ‘Società Napoletana di Storia Patria’ e del Centro Studi e ricerche multimediali ‘Bartolomeo Capasso’).
Una gustosissima lestopitta (specialità dell’area grecanica) farcita con feta, formaggio pecorino locale, capocollo, parmigiana di melanzane, pomodorini freschi e olive, ed accompagnata da buon vino rosso, ha concluso la giornata della premiazione avvenuta nell’aula del Consiglio Comunale cittadino di fronte alla cittadinanza riunita.

 

P.C.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteCuzzupi: Ora è il caos, la prossima legislatura faccia della scuola l’officina per il futuro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui