Advertisement

“Lunedì scorso il comitato tecnico scientifico ci ha formalmente trasmesso il suo parere negativo all’ipotesi dello svolgimento delle prove scritte e ce lo aspettavamo, infatti già da prima avevamo incominciato a esplorare strade alternative a quelle consuete, soluzioni di emergenza e in quanto tali temporanee ma, sia chiaro, non meno selettive. Come ho anticipato anche i capigruppo di maggioranza delle commissioni Giustizia di Camera e Senato si sta lavorando a un doppio orale: il primo volto a verificare le competenze che normalmente sono testate dagli scritti e il secondo orale invece riservato solo a chi abbia superato il primo più simile alla prova tradizionale”. Si esprime così sull’esame di abilitazione professionale per 26.000 aspiranti avvocati la Ministra della Giustizia Marta Cartabia intervenuta alla prima edizione del Festival della Giustizia, organizzato da AIGA e 4cLegal in collaborazione con il Gruppo 24 ORE. “Per raggiungere questo obiettivo il mio impegno è di portare un decreto al Consiglio dei Ministri davvero al più presto. Escludo quindi un rinvio per l’inizio dell’esame di Stato anche se non posso escludere che ci possa essere qualche ritardo per ragioni organizzative rispetto alle date di metà aprile già indicate per le prove scritte” conclude la Ministra della Giustizia.

 

Advertisement

Giustizia – Cartabia al festival della Giustizia: grazie a Recovery e digitalizzazione sarà più vicina a cittadini e operatori

 

“Nella sezione dedicata alla giustizia, dentro il grande cantiere del Recovery un capitolo importante è riservato alla digitalizzazione. L’utilizzo degli strumenti informatici si è rivelato fondamentale nel pieno della pandemia e continuerà ad esserlo per dare un volto nuovo una giustizia che cerchiamo di rendere più efficiente e più vicina alle esigenze degli operatori tutti e dei cittadini”. Così la Ministra della Giustizia Marta Cartabia, intervenuta alla prima edizione del Festival della Giustizia organizzato da AIGA e 4cLegal in collaborazione con il Gruppo 24 ORE. “Con il processo telematico, con più tecnologia anche per il sistema Penitenziario, con più investimenti nel comparto digitale contiamo inoltre di migliorare anche le disfunzioni che persistono nel funzionamento del portale telematico di deposito degli atti”, conclude la Ministra.

Il Suo nominativo è stato estratto dalla Banca dati dei giornalisti Mediaddress e viene utilizzato dall’Ufficio Stampa de Il Sole 24 ORE S.p.A. al solo fine di inviarLe comunicazioni informative strettamente collegate alla Sua attività giornalistica ai soli fini di informazione e approfondimento.

 

Nel caso non volesse ulteriormente ricevere tali comunicazioni può inviare una mail a ufficiostampa.gruppo24ore@ilsole24ore.com.

 

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteGOVERNO, USSI: AUGURI A VEZZALI, CONIUGA COMPETENZA E CONOSCENZA ISTITUZIONI*
Articolo successivoIstat. Paolo Capone, Leader UGL: “Persi 456 mila posti nel 2020. Accelerare su contributi a fondo perduto alle aziende per salvare occupazione”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui