Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

FAMIGLIA: CIOCCHETTI; "LAZIO COME PARMA, UDC LANCIA QUOZIENTE FAMILIARE"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

-Servizi e incentivi distribuiti a secondo del carico familiare-

 

  “Quoziente familiare Lazio”  questo è il nome della  proposta  Udc che verrà presentata in Regione, Provincia e Comune. Bisogna rimodulare il sistema di tariffazione e di accesso ai servizi  di ogni genere, come a Parma anche nel Lazio bisognerà renderli  accessibili e a misura del cittadino.” – è quanto dichiara il Segretario Regionale e deputato dell’Udc Luciano Ciocchetti presentando il quoziente familiare che verrà proposto in Regione, Provincia e Comune. - 

“L’obiettivo che si intende raggiungere – continua Ciocchetti  - è quello di elaborare , come a Parma un coefficiente correttivo  applicando le tariffe di competenza a formato famiglia  agevolandole soprattutto nei casi di nuclei numerosi.”

“In questo momento di crisi nel Lazio, come in tutta Italia, c’è bisogno – aggiunge - di rafforzare la capacità economica delle famiglie rendendo  le tariffe più omogenee. Essere vicini alla famiglia significa riconoscere il valore fondamentale che questa ricopre nella nostra società. La Regione e tutti gli enti locali sono diventati sempre più importanti nel riconoscere servizi e rispondere ai bisogni del nucleo familiare: dalla casa allo sport, dagli aiuti alle giovani coppie all’assistenza agli anziani”


“La famiglia – conclude Ciocchetti - è il metro con il quale pensare e valutare un’azione amministrativa e di governo. Questi sono i grandi temi che debbono entrare nella discussione politica nazionale e regionale.”

Invia commento comment Commenti (0 inviato)