Privacy Policy politicamentecorretto.com - "INSIEME ARGENTINA"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"INSIEME ARGENTINA"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

"Il sito www.insiemeargentina.it viene visitato da persone di 92 Paesi". Al primo posto c'è l'Italia, con decine di migliaia di visitatori, seguita dagli Usa con poco meno di diecimila e poi dall'Argentina e dai principali Paesi europei, il Canada, l'Australia e il Brasile. Ad inizio del nuovo anno è positivo il bilancio che Antonio Bruzzese traccia del portale dell'associazione omonima da lui presieduta, in base ai dati forniti dall'agenzia incaricata di monitorare visite e argomenti consultati sul sito.
"La sorpresa degli ultimi mesi del 2009 riguarda una serie di Paesi dai quali in precedenza non avevamo avuto segni di attenzione", riferisce Bruzzese, che è pure presidente dell'Inca-Cgil Argentina. Si tratta di Cina con 600 accessi, Giappone con 550, Korea con 160, Federazione Russa con 280 e Città del Vaticano con 667.
E poi ancora visite sino a 300 accessi per Paese si sono avute, continua Bruzzese, in "Iran, Tunisia, Hong Kong, Singapore, Bosnia e Herzegovina, Macedonia, Armenia, Arabia Saudita, Israele, Filippine, Portorico, Mauritius, Egitto, India Kenia, Nigeria, Costa Rica, Kazakstan, Ucraina, Sud Africa , Vietnam, Marocco, Uganda, Tanzania, Guatemala, Gibilterra e così fino a contare 92 Paesi".
Per questo Bruzzese ringrazia "tutta la presidenza dell'Inca per aver creduto in questo lavoro ed in particolare il presidente Raffaele Minelli per averlo incoraggiato e sostenuto. Naturalmente un saluto a tutti i collaboratori che in queste ore preparano l'aggiornamento", che, annuncia il presidente di Insieme Argentina, concludendo, sarà on line a partire dal prossimo 8 gennaio.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)