Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Manovra, Ciocchetti: No a tagli indiscriminati per enti teatrali e spettacoli dal vivo, una follia abolire l'eti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Dov’è finita la riforma approvata in Commissione Cultura?

Roma 10 giu - “ Il teatro è un patrimonio nazionale che ritengo assolutamente necessario proteggere e preservare da tagli indiscriminati. Nella manovra inoltre viene abolito l'eti ente teatrale italiano, Inserito nell'allegato 2, con enti davvero inutili. Per noi abolirlo e' una follia. Lo spettacolo dal vivo inoltre, è un settore già trattato con distrazione e relegato ai margini della spesa pubblica, così che un ulteriore impedimento ai già esigui crediti disponibili sarebbe da scongiurare in qualsiasi modo, oltre a non risultare determinante per il budget della manovra. Mesi fa mi ero adoperato, insieme ad altri esponenti della maggioranza e dell'opposizione ad approvare in Commissione Cultura una riforma che tutelasse questa importante risorsa del panorama culturale del nostro paese. Una riforma che, alla luce di quello che sta accadendo in questi giorni, sembra essere caduta nel dimenticatoio. Credo sia importante sostenere la promozione e la diffusione dello spettacolo dal vivo, allo scopo di assicurare pari opportunità di fruizione a tutti i cittadini nonché di salvaguardare la creatività e la libertà di espressione”. A dichiararlo è il Capogruppo in Commissione Cultura dell’Udc Luciano Ciocchetti -

Invia commento comment Commenti (0 inviato)