Privacy Policy politicamentecorretto.com - Sono quattro i paesi che garantiscono l’eutanasia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Sono quattro i paesi che garantiscono l’eutanasia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Apprendo con grande soddisfazione e speranza che anche il Lussemburgo ha scelto la depenalizzazione dell'eutanasia. Se aggiungiamo la Svizzera, dove e' depenalizzato il suicidio medicalmente assistito, il Belgio e l'Olanda, sono ora quattro i Paesi europei che hanno deciso di combattere l'eutanasia clandestina e offrire a tutti i cittadini -e non solo a quelli con medici amici e complici- il diritto civile ed umano all'autodeterminazione.
Mi auguro che come la Svizzera, anche il Lussemburgo apra le porte ai non residenti, cosi' da permettere ai cittadini italiani di esercitare un diritto che oggi (e purtroppo anche domani) rimane sconosciuto in Italia.
Nel nostro Paese, infatti, coloro che hanno fatto della legalizzazione dell'eutanasia una delle principali battaglie politiche, i Radicali e l'associazione Luca Coscioni, rischiano di essere disconosciuti da qualsiasi forza politica, evidentemente piu' attenta alle istanze del Vaticano.  Un veto che colpisce non solo l'eutanasia ed i suoi proponenti, ma anche qualsiasi passo verso l'istituzionalizzazione del testamento biologico, considerato dai fondamentalisti cristiani non un passo obbligato verso il rispetto della volonta' del paziente, ma un affronto alla liberta' professionale dei medici (soprattutto di quelli cattolici).

Invia commento comment Commenti (0 inviato)