Privacy Policy politicamentecorretto.com - LEGGE DI STABILITA’, EMENDAMENTI E REALISMO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

LEGGE DI STABILITA’, EMENDAMENTI E REALISMO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Credo che alcuni eletti all’estero, presentando oggi emendamenti che non potevano trovare accoglimento alcuno, abbiano mostrato scarso realismo economico, prima che politico. E ho troppa stima dell’altrui intelligenza per credere che i miei colleghi di opposizione abbiano inteso strumentalizzare un simile frangente –la discussione della Legge di Stabilità.
Chiedo piuttosto a deputati e senatori eletti all’estero di unirsi a me, al Senatore Giordano e allo stesso Senatore Caselli, per analizzare insieme la situazione complessiva, individuando le possibili aperture –che nella ragionevolezza si trovano sempre- e i luoghi politici di rilevante incidenza per gli italiani all’estero. Questo sarebbe un approccio serio e responsabilizzante per tutti.
Credo che l’onere che la nostra elezione comporta sia anzitutto morale e civile: un onere che è anche un onore tale da impedirci di dar seguito a ordini di scuderia che vorrebbero imporre politiche divisive pure all’estero. Mi rivolgo dunque a quei rappresentanti moderati e responsabili che, come noi, hanno a cuore gli interessi degli italiani nel mondo: si segua l’esempio portato avanti nella Circoscrizione di nostra competenza –Nord e Centro America- dove, da tempo, sosteniamo una linea tesa alla massima valorizzazione delle nostre comunità, senza guardare alle etichette e senza pesare sulle finanze statuali, ma preservando e potenziando giorno dopo giorno, in collaborazione col Ministro degli Esteri, quel tessuto di relazioni –culturali, economiche e sociali- che fanno la ricchezza del nostro Paese. Un modello che potremo migliorare insieme, col contributo di tutti.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)