Privacy Policy politicamentecorretto.com - Congresso Internazionale "Donne Migranti"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Congresso Internazionale "Donne Migranti"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Dall’8 al 12 novembre scorsi, presso la Facoltà di Diritto e Scienze Sociali dell’Università di Buenos Aires si é svolto il Congresso Internazionale "DonneMigranti" organizzato dalla Federazione Internazionale delle Donne nelle Carriere Giuridiche, promosso nella capitale argentina dalla sezione locale della Federazione guidata da Graciela Mendoza Peña.
Al congresso hanno partecipato delegate giunte da Italia, Spagna, Congo, Francia, Romania, Portogallo, Cile, Finlandia e Brasile.

Le professioniste sono state anche ricevute alla Corte Suprema di Giustizia dalle Ministre Elena Highton in Nolasco e Carmen Argibay, all’Ambasciata di Francia e all´Alliance Francese di Buenos Aires.
Ad aprire i lavori è stata Monica Pinto, Decana della Facoltà di dell’ateneo argentino.

Quindi sono intervenute diverse esponenti della Federazione. Tra le intervenute anche Maria del Carmen Roni, presidente dell’Associazione Dame Italiane in Argentina che si è soffermata sull’aspetto economico del fenomeno migratorio sottolineando in particolare che "sono le ineguaglianze di genere quelle che accentuano le debolezze, perché quali che siano le ragioni dei disastri sono le donne e i bambini a pagare di più".
La presidente dell’Adia ha dunque auspicato "politiche pubbliche che diano sicurezza giuridica agli investimenti e risanamento della moneta" e che pensino a "rafforzare energicamente i sistema educativi" perché "attraverso l’insegnamento e la formazione si offrono migliori e maggiori possibilità d´inserimento della nuova manodopera migrante nel contesto economico-sociale del paese d’accoglienza".

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)