Privacy Policy politicamentecorretto.com - Interpellanza doppia imposizione fiscale tra Italia e Usa

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Interpellanza doppia imposizione fiscale tra Italia e Usa

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 Ai ministri degli Affari Esteri, del Lavoro e delle Politiche Sociali e dell’Economia e delle Finanze,

 

per sapere, premesso che:

 

 

a decorrere dal 1° gennaio 2004, in virtù di una rinnovata interpretazione del Trattato bilaterale del 1984 tra l’Italia e gli Stati Uniti in materia in materia di doppia imposizione fiscale, così come modificato dal Trattato bilaterale del 25.08.1999, tutto il personale con contratto disciplinato dalla legge italiana e di nazionalità italiana in servizio negli Stati Uniti d’America non e’ più assoggettato al fisco italiano ma a quello statunitense e, pertanto, su una base imponibile equivalente al 100% della retribuzione;

 

con Decreto Interministeriale del 1 agosto 2003,  il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro degli Affari Esteri e il Ministro dell'Economia e delle Finanze, aveva determinato che le contribuzioni previdenziali INPS in favore del personale di nazionalità italiana assunto a contratto a legge italiana presso le sedi estere, dovevano essere calcolate sulle retribuzioni convenzionali e quindi equivalenti a circa un terzo della retribuzione;


di contro, il personale a contratto non ricadente nella suindicata fattispecie, in servizio negli USA contribuisce al sistema previdenziale di quel Paese (il c.d. Social Security System ) su una base imponibile equivalente al 100% della retribuzione;

 

il personale interessato, risiede e lavora negli Stati Uniti da tanti anni e continua a risiedervi oltre l’età pensionabile, percependo un assegno pensionistico assolutamente inadeguato ed insufficiente neanche a garantire la minima sussistenza - in un Paese come gli Stati Uniti che non offre un servizio sanitario nazionale e previdenziale simile all’Italia - e comunque non commisurato alla retribuzione;

 

quali iniziative si intendano predisporre al fine di superare la citata grave sperequazione  e permettere al personale interessato di contribuire al sistema pensionistico italiano, al fine dell’ottenimento di una adeguata pensione di anzianità o di vecchiaia, su una base imponibile equivalente all’intera retribuzione .  

 

 

DI BIAGIO

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)