Privacy Policy politicamentecorretto.com - In visita ufficiale in Argentina, l’assessore della Regione Lazio Aldo Forte ha incontrato l’onorevole Ricardo Merlo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

In visita ufficiale in Argentina, l’assessore della Regione Lazio Aldo Forte ha incontrato l’onorevole Ricardo Merlo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

In diverse tappe, l’assessore Forte – accompagnato dal consigliere Maurizio Perazzolo, Presidente della Commissione Politiche sociali della Regione - ha presentato in Argentina alcuni progetti destinati alla collettività italiana di origine laziale, tra cui una Casa del migrante e un museo interattivo dell’emigrazione del Lazio.
Merlo lo ha incontrato ieri, insieme all’Ambasciatore Guido Latella, presso l’Ambasciata Italiana in Argentina. Durante il pranzo di lavoro, i due hanno parlato di emigrazione italiana, associazionismo laziale e si sono scambiati alcune idee sugli sviluppi dell’accordo che vede alleati in Parlamento il MAIE – Movimento Associativo Italiani all’Estero- e l’UDC, di cui Forte è un esponente di rilievo.
Al termine dell’incontro, Merlo ha espresso all’Assessore "vivo apprezzamento" per la visita in Argentina, Paese dove sono presenti tante associazioni di origini laziali, molto attive nel volontariato.
"Ho molto apprezzato la volontà dell’Assessore Aldo Forte di rinnovare il legame tra la Regione Lazio e i suoi emigrati", ha commentato Merlo. "Mi è molto piaciuto anche il suo progetto di creare nel Lazio una Casa del migrante: ossia un ostello che possa ospitare gli emigrati laziali anziani che non hanno risorse economiche, ma anche giovani figli e nipoti dei laziali residenti all’estero, che intendano approfondire lo studio della lingua e della cultura italiana. Progetto che condivido in toto e che, per quanto riguarda i giovani, va nella direzione da me proposta con il Progetto Marco Polo, presentato con la pdl 3337, alla Camera l’anno scorso".
"Penso – ha proseguito Merlo – che l’iniziativa dell’Assessore Forte debba essere uno spunto e un suggerimento da proporre a tutti gli assessori regionali che hanno la delega all’emigrazione, per riempire parte di quel vuoto di assistenza agli italiani all’estero, lasciato dai pesanti tagli delle politiche finora attuate dal Governo nazionale".

Invia commento comment Commenti (0 inviato)