Privacy Policy politicamentecorretto.com - Legge 194: i paradossi e l'impossibilita' di far funzionare la legge. Il caso di Arezzo: i medici tutti obiettori?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Legge 194: i paradossi e l'impossibilita' di far funzionare la legge. Il caso di Arezzo: i medici tutti obiettori?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Dichiarazione dei senatori Radicali toscani, Donatella Poretti e Marco Perduca

Abbiamo più volte sottolineato come dietro all'obiezione di coscienza alla 194 e all'interruzione di gravidanza vi fosse una ipocrisia e un paradosso. Dall'essere una garanzia per una minoranza di medici che non se la sentivano di applicare la legge e quindi di praticare un aborto al rischio di diventare una palese impossibilita' di garantire l'applicazione della legge.
Un esempio arriva questi giorni dalla citta' toscana di Arezzo dove all'unico ospedale pubblico il San Donato tutti i medici si sono dichiarati obiettori. E ora chi garantisce l'applicazione della legge? Le donne aretine dovranno andare fuori citta' ad abortire seguendo l'esempio di quelle lucane "costrette" dai picchi di obiezione ad abortire nelle regioni limitrofe? Oppure la Regione e la Asl dovra' organizzare con personale esterno all'ospedale il servizio previsto dalla 194?

Stamani c'e' un presidio davanti all'Ospedale promosso dall'associazione Liberaperta, cui ci uniamo virtualmente per chiedere il rispetto della legge. Per nostro conto chiediamo anche al ministro della Salute di consegnare al più presto la relazione annuale al Parlamento sulla 194, atto che doveva esser gia' stato fatto secondo i termini di legge alla fine di febbraio, per capire meglio come il fenomeno dell'obiezione di coscienza possa essere affrontato.

I numeri parlano chiaro infatti, se sette medici su dieci sono obiettori, la media italiana dell'ultima relazione al Parlamento, e' evidente che il servizio che solo il Ssn puo' garantire come previsto dalla legge ha delle difficolta': turni, ferie e organizzazione evidentemente fanno si' che i non obiettori devono farsi carico interamente di fare aborti. E se il primario e' obiettore perche' non seguirlo su quella scelta anche solo per opportunismo?


Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)