Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

MANOVRA: CIOCCHETTI, COSI’ NON VA. PRESSIONE SU COMUNI E REGIONE INDEBOLISCE PAESE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Governo ascolti forze di opposizioni responsabili.  Serve una patrimoniale straordinaria per due anni a chi possiede patrimoni importanti, unita a riforme davvero strutturali.

 

Roma 06/09  - "Nel momento di profonda difficoltà per la nostra economia,  Il governo Berlusconi, dopo la manovra di ferragosto, ha perso lucidità e concretezza. Le proposte contraddittorie emerse da un PDL nazionale confuso, rintuzzate dai no ideologici della Lega, hanno innescato un processo di divisione che oramai  corre il rischio di dilaniare l’Italia. Inoltre il tipo di pressione a cui sono stati sottoposti i comuni e le regioni rischia di produrre un aumento della pressione fiscale differito che indebolirà i territori. Chiedere una patrimoniale straordinaria per due anni a chi possiede patrimoni importanti, unita a riforme davvero strutturali sarebbe l'unico modo per ricreare la fiducia senza uccidere definitivamente il Paese. -  lo scrive in una nota il vice presidente della regione Lazio ed esponente Udc, Luciano Ciocchetti -

 

“Il governo  - continua Ciocchetti - non ha saputo superare i propri  limiti politici interni ed ha innescato - con le sue ultime proposte -  lo sciopero di oggi indetto dalla CGIL che a sua volta  ha provocato la rottura dell'unità sindacale; Inoltre la linea di Tremonti  non fa che aggravare la contrapposizione fra stato centrale e le legittime preoccupazioni degli enti locali che con i tagli previsti saranno costretti nella migliore delle ipotesi a diminuire i servizi. L'Italia si sta dividendo invece di unirsi in un momento storico delicatissimo, questa è la maggiore responsabilità del Governo Nazionale e l'elemento che mi preoccupa di più.

“Insomma questa crisi – conclude -  ci impoverisce e chiede un sforzo - ad ognuno in proporzione con le proprie capacità e responsabilità - ma il governo sta facendo scelte e dichiarazioni per le quali è sempre più difficile trovare un obiettivo comune in cui credere.”

 


--

Di seguito il comunicato.

Emiliano Belmonte
Responsabile Ufficio Stampa

Vice-Presidente Regione Lazio
Assessore alle Politiche del Territorio e dell'Urbanistica
 
tel. 06.51688825 - 8908
cell. 3338851111 - 347.7375680
emiliano.stampa@gmail.com
www.lucianociocchetti.com

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)