Privacy Policy politicamentecorretto.com - On Franco Laratta: “Sciogliere subito il consiglio comunale di San Sosti (CS). Non è possibile attendere ancora. LA PREFETTURA DI COSENZA L'AVEVA PROPOSTA TRE MESI FA”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

On Franco Laratta: “Sciogliere subito il consiglio comunale di San Sosti (CS). Non è possibile attendere ancora. LA PREFETTURA DI COSENZA L'AVEVA PROPOSTA TRE MESI FA”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

In data 28 giugno 2011 il Prefetto di Cosenza proponeva lo scioglimento del Consiglio comunale di San Sosti, comune della provincia di Cosenza, a causa della dichiarata decadenza del sindaco Michele Sirimarco, eletto nelle consultazioni del 6-7 giugno 2011.

Il Tribunale di Castrovillari, infatti, aveva già decretato, in data 12 marzo 2010, la decadenza del sindaco di San Sosti per la sussistenza di una causa di incompatibilità.

Ma in seguito al pronunciamento del Tribunale, si sono verificate contrastanti vicende legate alla regolarità delle nomina del vicesindaco chiamato a svolgere le funzioni del sindaco decaduto, con diversi pronunciamenti delle autorità giurisdizionali competenti, che hanno provocato ritardi gravi e causato danni notevoli alla vita democratica a al funzionamento delle istituzioni locali.

In ogni caso, in seguito alla sentenza della Corte di Cassazione si configuravano i presupposti per procedere alla nomina di un Commissario prefettizio, per come richiesto dal Prefetto di Cosenza.

 

Tenuto conto di quanto sopra descritto, il deputato del Pd on Franco Laratta ha presentato alla Camera una interrogazione urgente al ministro degli Interni, Roberto MARONI, PER SAPERE

per quali motivi il Governo, nello specifico il Ministero dell'Interno, non ha ancora proceduto ad attivare e definire gli atti di competenza per come richiesto dal Prefetto di Cosenza in data 28 giugno 2011
se sussistono motivazioni specifiche che impediscono l'accoglimento della proposta della Prefettura di Cosenza a distanza di ormai di oltre mesi
se si è a conoscenza che da oltre un anno e mezzo, la città di San Sosti vive una vicenda intricata e paradossale, che sta provocando danni molto gravi alla vita democratica e al regolare svolgimento delle attività amministrative del comune, con profondi guasti al tessuto economico e sociale, tali da condizionare negativamente tutte le possibilità di crescito, di sviluppo e di investimenti per quella realtà.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)