Privacy Policy politicamentecorretto.com - Finanziamento pubblico ai partiti. La patacca del dimezzamento rivenduta

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Finanziamento pubblico ai partiti. La patacca del dimezzamento rivenduta

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 Intervento dei senatori Radicali Donatella Poretti e Marco Perduca

 Domani il Consiglio dei Ministri e' costretto a fare un decreto d'urgenza
 per evitare che i partiti si intaschino tutto il finanziamento pubblico
 dopo aver spacciato la balla di destinarlo ai terremotati. La patacca
 della norma rivenduta alla piazza di essersi dimezzati il finanziamento
 pubblico e di destinare 91 milioni subito per i danni dei terremoti e di
 altre calamita' naturali avvenuti dal gennaio 2009 e' infatti ormai una
 evidente falsa promessa.
 Il Governo dovra' cosi' evitare di pagare la tranche del finanziamento
 pubblico di luglio per intero sospendendo il pagamento, o decurtandolo
 della meta', e dovra' farlo con un decreto d'urgenza visto che il diritto
 matura il primo di luglio.

Infatti, il principio e la norma fissate nel primo articolo alla Camera,
 col voto contrario dei deputati Radicali, viene infatti reso nullo dall’ultimo
 articolo con cui si stabilisce che il governo ha 15 giorni di tempo per
 accertare i risparmi e destinarli ai terremotati. I 15 giorni scattano da
 domani se la legge fosse pubblicata in Gazzetta Ufficiale, ma e' invece
 ferma all'esame della commissione Affari Costituzionali del Senato.

 Ancora una volta e' il Governo "tecnico" chiamato a togliere le castagne
 dal fuoco alla partitocrazia, che ora senza l'alibi dell'urgenza di fare
 in fretta la legge per risparmiare i soldi e darli ai terremotati dovra'
 confrontarsi su un testo che mentre decide che si finanziano i partiti con
i soldi pubblici non decide il loro status giuridico e rischia
l'incostituzionalita' nella parte sui controlli come paventato dal
presidente della Corte dei Conti.

 Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
 Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax
 0667064771
 Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 055290118
 
 mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

Invia commento comment Commenti (0 inviato)