Privacy Policy politicamentecorretto.com - INTERROGAZIONE URGENTE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

INTERROGAZIONE URGENTE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Al ministro della Giustizia – Per sapere – premesso che:

- l’ interrogante ha più volte evidenziato il grande disagio con il quale opera la Polizia penitenziaria in Calabria, a causa delle inaccettabili carenze di mezzi e personale;
- è ormai recidiva l’impossibilità dei Magistrati a svolgere le udienze processuali giacché la Polizia penitenziaria non può trasferire i detenuti presso le Aule giudiziarie;
- ed è ancor più inaccettabile che questo accada per processi contro uomini della ‘ndrangheta, la cui pervasività è divenuta in Calabria davvero preoccupante;
- mercoledì 18 luglio 2012 è accaduto a Reggio Calabria, dove è saltata l’udienza di un processo contro tre presunti mafiosi perché la Polizia penitenziaria non è riuscita a trasportare i detenuti dal carcere all’Aula del Tribunale;
- nei penitenziari calabresi la situazione è sempre più difficile non solo per il sovraffollamento dei detenuti che sono 3.000, di cui 67 donne, a fronte dei 1890 posti disponibili, ma anche per la mancanza di personale della Polizia penitenziaria, i cui organici non sono assolutamente stati mai adeguati alla necessità;
- proprio ieri, 24 luglio 2012, Angelo D’Agostino di Rosarno, condannato la settimana scorsa alla pena di sei anni di reclusione per spaccio di droga, è evaso dal carcere di Palmi mentre si trovava nel cortile per l’ora d’aria; l’uomo ha scavalcato i muri di due cortili ed ha raggiunto il muro perimetrale del carcere da dove si è calato utilizzando delle lenzuola legate come una fune;
- anche la gravità di questa evasione evidenzia la drammaticità della situazione carceraria in Calabria;
- disagi, problemi e rinvii stanno davvero ponendo a rischio i processi:
- quali urgenti iniziative intenda assumere per garantire la sicurezza in tutte le strutture penitenziarie calabresi e per sopperire alle carenze di uomini e mezzi, al fine di garantire lo svolgimento di tutte le fasi processuali, in particolare, quelle che riguardano detenuti responsabili di reati di stampo mafioso.

                                         On. Angela NAPOLI

Invia commento comment Commenti (0 inviato)