Privacy Policy politicamentecorretto.com - Franco Laratta su lettera di Mons. Nunnari agli "uomini della mafia"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Franco Laratta su lettera di Mons. Nunnari agli "uomini della mafia"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


"Dal vescovo di Cosenza una condanna storica alla mafia e un richiamo alla chiesa e ai cristiani a schierarsi con coraggio e determinazione dalla parte della legalità"!

 

Per la prima volta un Vescovo calabrese respinge con forza l’uso che della fede fanno i mafiosi. I quali si dicono credenti, e in più parti della Calabria sono protagonisti attivi in tante celebrazioni liturgiche. 
La loro fede viene ostentata, mai nascosta, quasi fosse una vera e propria ‘religiosità mafiosa’ , troppo spesso tollerata!
Nelle parrocchie calabresi, nei gruppi cristiani impegnati, si registra con sempre più determinazione l’impegno di numerosi ‘preti antimafia’ che  combattano la criminalità sempre più apertamente, spesso a mani nude, con la sola forza del Vangelo. Rischiando anche la loro vita.
La presa di posizione di Mons. Salvatore Nunnari non lascia dubbi: se sei mafioso non puoi stare nella chiesa! Basta tolleranza, basta con le zone grigie, basta con qualsiasi forma di contatto.
“Mi appello a voi, uomini di mafia” scrive Nunnari; ma l’appello è, da una parte, una condanna netta contro l’odio, la violenza, la morte che provoca la Mafia in Calabria; dall'altra un richiamo deciso ad «una Chiesa che purtroppo, soprattutto nel passato, non sempre è riuscita a discernere i vostri atteggiamenti a tal punto da cadere in questo imbroglio» rappresentato dall’«inserimento subdolo nelle pratiche della pietà popolare». Finalmente una voce libera e chiara contro l'arroganza dei clan che troppo spesso si inflitrano nella chiesa e nelle sue attività religiose popolari.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)