Privacy Policy politicamentecorretto.com - E’ piaciuto molto lo spettacolo “Anna dei Miracoli” promosso da Lions e Leo Club Massafra-Mottola “Le Cripte” presso la masseria “Accetta Grande”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

E’ piaciuto molto lo spettacolo “Anna dei Miracoli” promosso da Lions e Leo Club Massafra-Mottola “Le Cripte” presso la masseria “Accetta Grande”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Domenica scorsa presso la masseria “Accetta Grande”, si è tenuta la rappresentazione teatrale “Anna dei miracoli” messa in scena dall’associazione “La Rupe” e fortemente voluta da Lions e Leo Club Massafra-Mottola “Le Cripte”(rispettivamente guidati da Irma Rospo e Francesca Altamura), in collaborazione con il Comune di Massafra-Assessorato alla Cultura, ATO, AIDO, Croce Rossa Italiana, “Lo Scoiattolo”, e con la partecipazione dei Clubs Leo di Martina Franca e Taranto e dei Lions di Castellaneta, Ginosa e Grottaglie.

Lo spettacolo, tratto dalla storia di Helen Keller, la bambina poi diventata famosa per aver sfidato i Lions a diventare “Knights of Blind”, che a soli 18 mesi contrae una malattia che in breve tempo la conduce alla sordità e alla cecità assoluta. Grazie, però, all’ostinazione e alla tenacia della sua insegnante Anne Sullivan, la quale riesce a placare i suoi istinti violenti causati dalla compassione commistionata al profondo amore dei suoi genitori, pronti ad assecondare ogni suo capriccio, riesce a squarciare quelle tenebre nelle quali Helen era sempre vissuta, facendole scoprire quanto fondamentale possa essere il linguaggio.

L’intreccio, magistralmente condotto dagli attori (con regia di Francesco Casulli), ha dato la possibilità, alla folta e commossa platea accorsa all’evento, di comprendere che il vero buio non è quello che può provare un cieco, bensì l’insensibilità, la rassegnazione e il pessimismo. Ciascuno dei presenti ha colto a pieno ciò che Helen soleva spesso ripetere in vita che: “l’ottimismo è la fede che porta alla realizzazione, nulla può essere fatto senza speranza e fiducia”.

Inoltre, i Lions e i Leo, motivati dalle parole di Helen, “Desidero fortemente compiere un’opera grande e nobile, ma è mio dovere compiere opere piccole come se fossero grandi e nobili”, hanno sensibilizzato i presenti alla cultura della donazione degli organi e in particolare delle cornee. scopo , questo, perfettamente in sintonia con il T.O.D. del Distretto Leo 108 Ab “Cavalieri della cecità”.

Ha condotto la serata Annalisa Turi (Delegato T.O.D. Leo). Sono intervenuti: Giovanni Ostuni, Governatore del Distretto Lions 108 Ab; Alessandro Mastrorilli, Vice Governatore del Distretto Lions 108 Ab; Vita Caroli Casavola, Presidente del Distretto Leo 108 Ab; Antonio Mottolese, Vice Presidente ATP; Antonio Cerbino, Assessore alla Cultura del Comune di Massafra; Barbara Wojciechowska, Vice Presidente della Consulta delle Associazioni. Un plauso speciale è andato all’attrice, nonché socio Leo, Erika Grillo. Applauditissimi tutti gli interpreti dello spettacolo da Erika Grillo a Barbara Miraglia, Luca Moschetti, Tiziana Risolo, Michele Bafaro, Ludovico Maraglino, Valentina Rota, Lina Penna, Andrea Casuali.

Il ricavato della serata (come ha diffuso con il suo comunicato Alessandra Scarano, segretario del Leo Club) è stato devoluto a LCIF (progetti di donazione e progetto Lions “Cambogia, Save a life”) con la consapevolezza sofoclea che “l’opera umana più bella è di essere utile al prossimo”. Nella foto de The Leo Club gli artisti a fine spettacolo.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)