Privacy Policy politicamentecorretto.com - “Firmare la convenzione per rendere i servizi per gli italiani nel mondo più efficaci – positivo l’apprezzamento per i Patronati"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

“Firmare la convenzione per rendere i servizi per gli italiani nel mondo più efficaci – positivo l’apprezzamento per i Patronati"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

L’on. Laura Garavini (PD) sulla risposta del Sottosegretario Mantica

 

"Cortese nel tono, ma scarsa nei contenuti“. È così che l’on. Laura Garavini (PD) definisce la risposta del Sottosegretario Mantica alla sua interrogazione parlamentare in cui aveva chiesto di rendere più celeri e meno burocratiche alcune pratiche oggi in mano ai Consolati.

 

"È positivo che Mantica assicuri nella sua risposta che sta studiando come meglio attuare la norma secondo cui i patronati possono svolgere attività di supporto alle autorità diplomatiche e consolari italiane. Ma è da mesi che c’è una convenzione pronta sul tavolo, preparata ancora dal Governo Prodi, che renderebbe alcuni servizi più accessibili e meno burocratici per gli italiani nel mondo. Questa convenzione andrebbe solo firmata”, dice la deputata PD. La convenzione prevede che nell’esercizio di determinati servizi ai cittadini i maggiori patronati vengano affiancati ai Consolati.

 

"Proprio in base alle parole di stima che Mantica usa per il lavoro dei Patronati all’estero sarebbe auspicabile mettere subito in atto il documento già redatto. La firma da parte del Governo sarebbe un importante passo avanti per offrire agli italiani nel mondo servizi più efficaci e più vicini alla gente”, sottolinea la Garavini. Nella sua risposta il Sottosegretario scrive che “non si può negare il ruolo importante dei Patronati all’estero, nelle loro attività in materia pensionistica, in materia di consulenza ed anche informativa, come trait d’union tra l’utente e gli Uffici Consolari e, quando occorre, nella veste di mediatori sociali, per non dimenticare che continuano comunque a rappresentare uno dei canali più importanti attraverso i quali i connazionali residenti all’estero possono far sentire la loro voce”.

 

Sarebbe positivo ottimizzare la cooperazione fra Patronati e Consolati, dice la Garavini, perché i Consolati o per problemi finanziari o per la scarsità di personale, non sono in grado di adempiere in tempi celeri a tutta una serie di prestazioni, frequentemente richieste dai nostri connazionali all´estero.

 

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Rosario Cambiano, 09 Ottobre, 2008 06:15:59
    Forse , il sottosegretario non avrá avuto il tempo di compilare la lista dei Patronati che dovranno avere quest´incarico. Per accellerare la cosa , sarebbe piu´ opportuno da parte sua ,che gli procurasse Lei una Lista di Patronati. Cosi´almeno il sottosegretario potrá finalmente firmare la convenzione a suo tempo prepararta da Prodi. Saluti Rosario C. Colonia