Privacy Policy politicamentecorretto.com - ALBERTO CALLE A COLLOQUIO CON LA CAPOLISTA "LISTA CIVICA CON GIORGIA" TURCHESE BARACCHI ED ALBERTO ASCANI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

ALBERTO CALLE A COLLOQUIO CON LA CAPOLISTA "LISTA CIVICA CON GIORGIA" TURCHESE BARACCHI ED ALBERTO ASCANI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


Alberto Calle ha incontrato la Capolista Turchese Baracchi ed Alberto Ascani (candidato al XV municipio), durante l'incontro hanno parlato delle problematiche e del futuro della nostra capitale Roma, Alberto Calle ha espresso le sue preoccupazioni in quanto al debito pubblico del Campidoglio, Sicurezza e Legalità, gestione dei beni pubblici e la possibilità di privatizzare alcuni beni pubblici non prioritari in modo da offrire un migliore servizio ai cittadini togliendo così un peso a carico dei cittadini.


 



1) La corruzione costa alla nostra capitale 1,3 miliardi, cosa pensate di fare per contrastare il cancro e il peso della corruzione in beneficio dei cittadini Romani?


 


La corruzione pesa molto di più di 1,3 miliardi. La corruzione offende il prestigio e la storia della Capitale, la corruzione recide il rapporto tra cittadini e amministrazione, la corruzione uccide la fiducia nelle istituzioni, la corruzione fa perdere di credibilità al nostro sistema ed è il più grande deterrente agli investimenti.



Il contrasto deciso non solo alla corruzione, ma ad ogni forma di permeabilità a pratiche poco ortodosse, fossero anche e solo raccomandazioni e banali favoritismi, è la nostra sfida Capitale.



Lavoreremo con Cantone, avremo un piano di prevenzione della corruzione che obbligherà al tracciamento on-line di ogni procedimento e che metterà referenti anti-corruzione in ogni ufficio, il termine di 30 giorni per dare risposte ai cittadini sarà obbligatorio, il linguaggio amministrativo sarà semplificato, ogni cittadino avrà un tutor di riferimento per le proprie pratiche.


 


2) Esiste un problema con la sicurezza, quale sarebbe il programma per la sicurezza dei cittadini?



La sicurezza a Roma è un problema strutturale che va affrontato con una visione di insieme. Proponiamo un pacchetto di misure che prevede di riportare i controllori sugli autobus, la valorizzazione degli interventi dei vigili urbani, la riqualificazione delle aree verdi, dei parcheggi, degli edifici in disuso o delle opere incompiute -spesso teatro di aggressioni- in partnerariato con i privati, la diffusione dei pali intelligenti con telecamere di sicurezza ovunque sia possibile (vicino scuole, centri di aggregazione, strade, parchi, parcheggi, ecc.), un piano di efficientamento energetico che consenta di illuminare meglio e in modo mirato le nostre strade; chiederemo altresì maggiore presenza delle forze dell'ordine con investimenti mirati perché il controllo del territorio e la sicurezza sono elementi fondamentali. A questo va accompagnato anche un programma di solidarietà reale (non quella a parole) nei confronti di chi e' in un oggettivo stato di difficoltà e non va lasciato ai margini della società. Perché chi delinque spesso sente di non avere nulla da perdere, talvolta lo fa per necessità. Accoglienza agli immigrati non è consentirgli di varcare una frontiera ma è assicurarsi che abbiano possibilità di una vita dignitosa, assistere un tossicodipendente non è dargli il metadone ma è aiutarlo ad uscire dal tunnel della droga conducendolo all'alternativa. Non è consentendo l'elemosina per strada, magari lasciata nelle mani di un bambino costretto a mendicare, che una comunità può sentire di aver assolto al suo dovere. Così si offende l'essere umano, e si ledono i diritti dei bambini. 


 


3) Ci potrebbe spiegare in sintesi, quali sono i programmi che avete per il municipio XV e in generale per la nostra capitale?


 


Abbiamo idea di rendere il territorio del XV municipio teatro di una sperimentazione: quella del partenariato pubblico/privato. Finanza di progetto, sponsorizzazioni, compensazioni saranno la formula magica per guarire le piaghe della città con investimenti e gestione privati sotto un rigoroso e quotidiano controllo pubblico. Solo così aree verdi, strade e marciapiedi, servizi per l'infanzia e gli anziani, trasporti, potranno avere nuova vita. E poi procedimenti per i cittadini on-line, tracciati e conclusi in 30 giorni come prevede la legge. Per realizzare tutto questo abbiamo pensato ad una sinergia: quella di Alberto Ascani, controller gestionale con 25 anni di esperienza, e Benedetta Filiasi, giovane praticante avvocato appassionata di questioni civiche, entrambi candidati al Consiglio del XV Municipio, e Turchese Baracchi, agguerrita candidata al Consiglio comunale, tutti nella lista civica CON GIORGIA.


 


4) Che messaggio volete dare agli elettori e ai nostri connazionali che voteranno il 5 giugno a Roma? 



Giorgia Meloni rappresenta un modello alternativo di fare politica, quella libera dai condizionamenti e dalle logiche del potere, quella sana che i cittadini hanno quasi dimenticato, quella pulita e vincente che può restituire credibilità alla Capitale d'Italia. Con Giorgia cambierà l'immagine di Roma. È per questo che già da ora molte delle risorse migliori sono già in campo con lei. E noi siamo fieri di essere al suo fianco.

 


Invia commento comment Commenti (0 inviato)