Privacy Policy politicamentecorretto.com - L’INDIVIDUALISMO NON È DEMOCRAZIA E LA SOLITUDINE NON È LIBERTÀ

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

L’INDIVIDUALISMO NON È DEMOCRAZIA E LA SOLITUDINE NON È LIBERTÀ

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Per quale ragione non siamo capaci di comprendere i valori della Democrazia e della Libertà difendendoli per quello che veramente sono? Perchè così facilmente, senza ragionare, ci avviamo lungo i sentieri pericolosi dell’individualismo e della solitudine con un’apatia paurosa per la sua immensità?

L’altro giorno, non lontano dal centro di Helsinki un conoscente che avrebbe potuto essere chiunque di noi, è uscito per passeggiare scegliendosi uno dei tanti bellissimi parchi della città. Mentre camminava per i fatti suoi godendosi la bella giornata gli sono venuti incontro due giovani uomini del tutto sconosciuti, sia loro a lui che lui a loro. Senza avere scambiato nemmeno una parola e prima di attraversarli, gli si sono buttati adosso colpendolo con tutta la propria forza ad uso di pugni e calci. Colto di sorpresa completa è caduto per terra dove continuarono i colpi fino a quando non si muoveva più. Poi, se ne sono andati come se niente fosse. Per la cronaca, questo conoscente è stato ricoverato con emergenza ed operato principalmente sulla testa e la schiena, la quale è stata salvata per miracolo. Ora si trova in covalescenza. L’accaduto è terminato lì, semplicemente perchè durante l’assalto non vi erano altri esseri umani sul luogo e di conseguenza la mancanza di testimoni ha messo una fine in questa storia macabra e del tutto priva di qualsiasi tipo di logica. Molto probabilmente, questi giovani uomini sono letteralmente scocciati della propria vita e agendo così hanno tentato di arricchire la propria misera e vuota vita, hanno deciso di permettersi il lusso di un divertimento.

Tutti conosciamo i terribili fatti criminali, anche essi privi di una qualsiasi logica, avvenuti a Londra e in  altre città d’Inghilterra giorni fa. La situazione è troppo seria, è molto grave, per lasciarci continuare il nostro cammino tranquillo e apatico, lungo i sentieri comodi dell’individualismo e della solitudine. Queste segnalazioni dovrebbero essere immediatamente considerate per quello che sono e dovrebbero svegliarci dal nostro litargo eterno prima che sia troppo tardi. Quanto succede oggi in Inghilterra potrebbe molto facilmente succedere domani in qualsiasi altro paese della nostra globalizzazione. A quello punto, questa criminalità cieca del tutto condannabile sarà estremamente difficile metterla sotto controllo.

Non basta reagire solo perchè siamo costretti a difendere la Democrazia e la Libertà, ma dobbiamo reagire per prevenire tali atti criminali, educando culturalmente e socialmente. Educando, insegnando e dimostrando che il diritto per averlo come tale, pretende l’esecuzione ed il rispetto in pieno del dovere!

L’educazione e l’insegnamento non possono essere a livello politico perchè il problema non è politico. Il problema è puramente culturale e sociale. L’educazione, l’insegnamento di tali valori devono iniziare dalla famiglia stessa, dalla famiglia che dovrebbe essere membro sano della società; della società dalla quale deriva l’attività politica, tutto questo risultando nei valori della Democrazia e della Libertà. Siamo prima noi stessi i responsabili verso i nostri figli e non il contrario!

Invia commento comment Commenti (0 inviato)