Privacy Policy politicamentecorretto.com - Scoperto l'odore della malaria. "Annusando" le molecole liberate dalla pelle è possibile riconoscere la malattia quando ancora non compaiono i sintomi

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Scoperto l'odore della malaria. "Annusando" le molecole liberate dalla pelle è possibile riconoscere la malattia quando ancora non compaiono i sintomi

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Un team di ricercatori del Politecnico federale di Zurigo ha scoperto l'odore della malaria. Dopo la mappa genetica della malattia, adesso è possibile riconoscerla "annusando" le molecole liberate dalla pelle quando ancora non compaiono i sintomi ma che permettono di riconoscere l'infezione. Dopo essere stato riconosciuto nei topi, l'odore della malaria è stato rilevato adesso in una ricerca condotta in Africa, su gruppi di bambini in Kenya, alcuni dei quali con i sintomi della malaria e altri nello stadio iniziale. Coordinati da Consuelo De Moraes, i ricercatori hanno raccolto le sostanze volatili emesse dalla pelle, incanalandole attraverso correnti d'aria verso speciali "nasi chimici", i gas cromatografi, in grado di assegnare a ciascuno di essi una precisa firma. "L'odore della malaria - ha detto De Moraes - non è dovuto alla presenza o assenza di specifiche molecole, ma a cambiamenti nella concentrazione di composti presenti anche nelle persone sane". Secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) aggiornati al 2016, la malaria infetta ogni anno nel mondo circa 200 milioni di persone, causando centinaia di migliaia di vittime, soprattutto tra i bambini con meno di 5 anni. Per i ricercatori, i cambiamenti nell'odore associati alla malaria rendono le persone infettate più "appetibili" al plasmodio (Plasmodium falciparum), favorendo così la trasmissione della malattia. "Individuarne l'odore - ha concluso De Moraes - potrà quindi aiutare a ridurre la diffusione della malattia". Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, questa scoperta, potrà essere la base di futuri test per la diagnosi precoce della malaria, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo dove l'infezione è più diffusa. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista dell'Accademia delle Scienze degli Stati Uniti, Pnas.

Lecce, 15 maggio 2018

Giovanni D’AGATA

Invia commento comment Commenti (0 inviato)