Privacy Policy politicamentecorretto.com - Dio aveva bisogno di Viola?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Dio aveva bisogno di Viola?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

E’ vero, sì, ho la consapevolezza di esistere, ma se nessuno si accorgesse di me, se nessuno mi dicesse Viola sei brava, Viola sei bella, se nessuno si curasse di me, mi sembrerebbe quasi di non esistere.

E se fossi sola al mondo, terribilmente sola? Sarei certa di esistere? Per esistere devo sentirmi chiamare. Chi mi chiama Viola, è il mio specchio. E se non l’avessi, uno specchio? Penserei a Dio.  Per non sentirmi inesistente penserei a Dio. Dio diventerebbe il mio specchio. Mi chiamerebbe Viola, Dio.  Mi direbbe Viola sei bella, Viola sei brava, e mi farebbe sentire esistente. 

Anche Dio doveva sentirsi terribilmente solo, quasi inesistente. Non aveva uno specchio, Dio.  E per questo forse creò l’universo. Per avere uno specchio. Per non sentirsi solo, tremendamente solo, quasi inesistente. Ma l’universo che non sa d’esistere, l’universo che non si accorge d’esistere, come può accorgersi di Dio? Si rese conto, Dio, che l’universo non era il suo specchio. Si sentiva ugualmente solo. Quasi inesistente. Solo.  E per questo creò Viola. Perché fossi il suo specchio. Perché lo chiamassi. Gli dico Dio sei immensamente buono, e lui si sente esistente. Non è più tremendamente solo. Aveva bisogno di me, Dio.

Renato Pierri


Invia commento comment Commenti (0 inviato)