Privacy Policy politicamentecorretto.com - ANNI SESSANTA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

ANNI SESSANTA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Sessagesimo genetliaco di Massimo D'Alema. La sinistra è smarrita. Ne potrebbe venire l'esortazione a “buttare il cuore oltre l'ostacolo”. Bene, benissimo, ma non mi pare che si possa chiedere alla sinistra di buttare il cervello oltre l'ostacolo. E precisamente di questo si tratterebbe se l'unica via d'uscita dalla crisi fosse riaffidarsi al lider Massimo.


di Felice Besostri

 

 


Per un sol giorno, sia pure con cinque anni di ritardo rispetto a me, Massimo D'Alema non è entrato nel mio segno zodiacale. E ora, sempre con cinque anni di ritardo rispetto a me, ha festeggiato i sessant'anni. Lo ha fatto in un bella e pare spiritosissima rimpatriata con l'ex gruppo dirigente della Federazione Giovanile Comunista Italiana (Fgci), di cui è stato segretario dal 1975 al 1980. Unica eccezione Marco Follini, oggi compagno (?) di PD e all'epoca membro del Movimento Giovanile della DC. Il diavolo si annida nei dettagli e da questo dettaglio ho capito alcune cose.

    Nessun giovane socialista d'antan era stato invitato alla festa. Eppure, a quei tempi, la collaborazione tra le due organizzazioni era intensa, anche perché nello spettro politico la Fgsi era nettamente collocata a sinistra.

    Sono sicuro, che quando gli anni 60 li compierà Veltroni, inviterà un po' tutti, ma anche  i giovani socialisti dei suoi tempi. Sarà l'omaggio ai sopravvissuti di una tradizione politica che egli con le sue scelte elettorali del 2008 ha contribuito in maniera determinante a cancellare dal Parlamento italiano.

    D'Alemano. Lui ama il socialismo e la compagnia dei socialisti, specialmente all'estero, se sono stranieri o, unica eccezione quando si chiamano Giuliano Amato (ma il suo inglese è perfetto). Questo amore per il socialismo è dimostrato dal mantenimento della carica di vice-presidente dell'Internazionale Socialista laddove il suo Partito Democratico non ne fa parte. Che importa? Basta far finta che i DS esistano ancora, e in effetti la partita IVA c'è ancora.

    Nel 1998  si ebbe l'illusione che l'amore di D'Alema per il socialismo, come quei capitali esportati illecitamente all'estero, si apprestasse a rientrare in Italia sotto l'usbergo dello scudo fiscale. Lui e Giuliano Amato (la discussione tra chi dei due fosse il gatto o chi la volpe non è ancora chiusa) promossero gli Stati Generali della Sinistra di Firenze. Evento preparato da parole nobili e altisonanti: “Fratelli socialisti, nostri fratelli maggiori, prendeteci per mano”. C'ero anch'io a sentirle, queste nobili parole, con le mie orecchie, al Congresso dei Laburisti di Valdo Spini, socialista da sempre, che come me credette al progetto dalemiano.

    Ci trovammo tutti nei DS, ma senza Amato, rimasto prudentemente fuori. Doveva essere l'inizio della costruzione del Partito del Socialismo Europeo in Italia guidato dal segretario nazionale Massimo D'Alema, ma lo statista Massimo D'Alema, presidente dell'ennesima Bicamerale prima e Primo Ministro poi (scusate il bisticcio di parole!) perse interesse per la cosa. E perciò la conduzione dell'operazione fu affidata, in un passaggio del tipo da Castore a Polluce, a Walter Veltroni. Ma, a quest'ultimo, gliene poteva fregà de meno? Non essendo mai stato comunista, non si capisce perché avrebbe dovuto diventare socialista. Era troppo occupato to care di altri progetti.

    Un piccolo particolare doveva mettere i socialisti in guardia: nel suo giro per sepolcri trovarono spazio Don Milani e Dossetti ma non Pertini.

    Ma oggi Walter è uscito di scena e i Dioscuri dell'Olimpo, o del Pantheon, post-comunista si sono, almeno temporaneamente, dimezzati. Torniamo al protagonista, Massimo, che riesce ad incarnare tutti i progetti possibili della Sinistra. Lui partecipa attivamente all'affossamento della medesima, ma da Lui ci si aspetta una sempre possibile rinascita.

    Altri dicono ma anche, lui, Massimo, lo fa. Contrario alla formazione del PD, ma anche uno dei protagonisti. Da sempre nutre riserve sulla deriva giustizialista e ha persino qualche problema personale con Di Pietro che Massimo disapprova, ma anche lo approva: senza battere ciglio accetta l'alleanza con l'Italia dei Valori alle elezioni del 2008 e l'esclusione dei socialisti: i fratelli maggiori di un tempo sono diventati dei poveri orfanelli.

    D'Alema è sensibile alle grida di dolore che si levano dal popolo di sinistra ed, infatti, dopo la grave sconfitta del PD e dopo la scomparsa dell'altra sinistra lancia un messaggio dal forte colore simbolico: lancia una televisione, RED TV. Il massimo! La conoscenza delle lingue straniere è un must, e lui riesce a parlare poli-semanticamente al mondo anglosassone e a quello lusitano, da Blair ad Obama e a Lula.

    Da sempre il nostro leader massimo è favorevole  ad una riforma del sistema elettorale alla tedesca, cioè un proporzionale corretto con una soglia di accesso. Purtroppo un tale sistema prevede quattro o cinque partiti: bisogna scegliere chi far sopravvivere. Per D'Alema accanto al PdL ed al PD meritano di sopravvivere  soltanto la UCD, la Lega Nord e  l'Italia dei Valori, per questo non ha fatto una piega quando si è introdotta una soglia di accesso al 4% per le Europee ed anche per beneficiare dei rimborsi elettorali: la sinistra altra da Lui deve morire politicamente ed in miseria.

    Un solo sbocco sarebbe ora possibile: l'entrata nel PD al servizio dei suoi disegni. L'abilità tattica non gli mai stata negata, neppure dai suoi avversari, anche quando, malgrado le fini tessiture, per un ambaradan imprevisto non riesce a conseguire i suoi obiettivi personali (I apologize: politici), come la Presidenza della Repubblica.

    I tempi sono difficili, la sinistra è smarrita, non ha un leader e una credibilità programmatica, anche quando la crisi economica, finanziaria ed ambientale dia, come oggi, oggettivamente ragione ai critici del capitalismo in quanto sistema senza vincoli o controlli che riduce tutto a merce.

    In questa situazione si dice che bisogna “buttare il cuore oltre l'ostacolo”. Bene, benissimo, non ma mi pare che si possa chiedere alla sinistra di buttare il cervello oltre l'ostacolo. E di questo si tratterebbe se l'unica via d'uscita fosse riaffidarsi a D'Alema.

    Belle le feste intrise di nostalgia, come i compagni della 5^ C. Ma il socialismo è un'altra cosa. Nostalgia sì, ma del futuro.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)